scarica l'app
MENU
Chiudi
27/11/2019

Cgil e Cisl chiedono che il bando garantisca tutti i lavoratori Intanto si attendono le valutazioni sulla sentenza del Tar

Il Centro

Un parcheggiatore della Tercoop. Sono 28 complessivamente gli attuali operatori
Cgil e Cisl chiedono che il bando garantisca tutti i lavoratori Intanto si attendono le valutazioni sulla sentenza del Tar
TERAMO La gara d'appalto per le "strisce blu" in centro va avanti senza modifiche. I contenuti della procedura per il riaffidamento "ponte" del servizio per un anno sono stati al centro dell'incontro tra il sindaco Gianguido D'Alberto , l'assessore al "governo del territorio" Stefania Di Padova , i sindacalisti del settore e una rappresentanza dei lavoratori della Tercoop che gestisce in proroga i parcheggi a pagamento in centro storico. La riunione è seguita alle forti perplessità espresse nei giorni scorsi da Cgil e Cisl sul numero di addetti indicati nel bando per assicurare il servizio. Rispetto agli attuali 28 operatori impegnati dalla Tercoop, infatti, la gara "ponte" ne prevede l'impiego di 14, a cui si aggiungeranno nove parchimetri. Anche in caso di conferma nella gestione temporanea, dunque, la cooperativa dovrebbe dimezzare il proprio personale. Nel corso dell'incontro, però, D'Alberto ha ricordato che è prevista una progressione nell'utilizzo di addetti che andrebbe incontro alle esigenze di tutela dei livelli occupazionali messe in risalto dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali. Il primo cittadino ha tenuto ha sottolineare che la procedura deve andare avanti con l'impostazione dettata dall'atto d'indirizzo della giunta di fine ottobre per evitare ulteriori ritardi nel riaffidamento del servizio, scaduto nel 2012 e per il quale è già andata a vuoto la gara indetta l'anno scorso dal commissario. La necessità di dare un assetto definito al servizio, ha precisato il sindaco, è resa ancor più impellente dalla sentenza del Tar che ha respinto il ricorso della Tercoop contro la determina dirigenziale che cancella le 'strisce blu' in centro in assenza di una procedura pubblica per il loro riaffidamento. I sindacati nel corso dell'incontro hanno ribadito la loro preoccupazione in merito ai livelli occupazionali e sottolineato la necessità di individuare soluzioni volte a tutelare i lavoratori. «Rispetto alla sentenza del Tar dobbiamo aspettare le valutazioni del dirigente perché al momento non c'è chiarezza su cosa fare», ha commentato al termine dell'incontro Mauro Pettinaro, segretario della Filcams Cgil, «e intanto dobbiamo lavorare sul bando del Comune per salvaguardare i posti di lavoro. È infatti necessario individuare soluzioni tecniche che consentano di aumentare il numero di posti attualmente previsti. Adesso torneremo ad incontrarci a breve per un nuovo confronto». Alla riunione ha partecipato anche Luca Di Polidoro per la Fisascat Cisl. (g.d.m.-a.m.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Tercoop, tensione per i posti a rischio