scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
12/03/2021

Cercansi negozi di giovani e donne per il centro storico: pronti 90mila euro

Gazzetta di Modena - Stefania Piscitello

Bando del Comune per attirare nuove attività commerciali «Contributi per pagare l'affitto o sistemare le facciate» fiorano
Stefania Piscitellofiorano. Tra circa due mesi dovrebbero concludersi i lavori di riqualificazione del centro di Fiorano. Un progetto - i cui risultati iniziano già ad essere evidenti - che darà un nuovo volto al cuore del paese. Ma non basta. Su via Vittorio Veneto, negli anni sono tante le attività che hanno chiuso, tante le serrande abbassate. E il Comune, già dal precedente mandato, sta lavorando proprio per risolvere questa situazione. L'intenzione è portare quelle serrande a rialzarsi, per dare un motivo in più ai fioranesi di andare a fare una passeggiata lungo quei marciapiedi nuovi, privi di barriere architettoniche, e per offrire maggiori servizi alla cittadinanza. È in tale direzione che va il bando pubblico "Fiorano al Centro", per l'erogazione di contributi finalizzati all'apertura, ampliamento o trasferimento di attività commerciali, artigianali e di servizio nel centro storico di Fiorano e per la riqualificazione della facciata esterna degli edifici del centro adibiti o da adibire a tali attività, della durata di tre anni. «Il bando - spiega il sindaco Francesco Tosi - è in continuità con quello fatto tre anni fa. Si inserisce in un progetto complessivo su cui stiamo lavorando già dal precedente mandato e che agisce su vari fronti: del decoro urbano e della viabilità con gli interventi che si stanno completando in via Vittorio Veneto, del commercio, ma anche culturale». Verrà stilata, da un'apposita commissione che assegnerà un punteggio, una graduatoria di merito; a essere privilegiate saranno le richieste presentate dagli under 40 e i progetti di imprenditoria femminile. Le proposte dovranno essere in grado di valorizzare il centro; potranno essere attività imprenditoriali, commerciali ma anche artistico-culturali. L'idea, come sottolinea l'assessore alle Attività produttive Morena Silingardi, è quella di creare, a Fiorano, un «centro culturale naturale». Se si guarda al bando del 2018, come sottolineato da Silingardi, sono state otto le attività che hanno avuto modo di aprire o riqualificarsi, con un contributo del Comune di circa 35mila euro. Tra queste, ad esempio, una libreria, un centro musica e un alimentari punto di riferimento per molti residenti, specie gli anziani che vanno a fare la spesa sotto casa.Entrando nei dettagli del nuovo bando, "Fiorano al Centro" è aperto per tre anni, e avrà scadenze trimestrali, la prima il 31 marzo. Le risorse messe dal Comune sono 90mila euro con due le premialità previste. La prima, di tipo commerciale, con l'erogazione di un contributo per il pagamento del canone di locazione dei locali che ospitano l'attività, per tre anni. «Per il primo anno - spiega Grazia De Luca, dirigente del Settore III del Comune - verrà corrisposto un importo pari all'80 per cento del canone, fino a massimo mille euro al mese, per il secondo anno il contributo coprirà il 50 per cento del canone, per il terzo anno il 30 per cento». Il secondo tipo di premialità, prevede un contributo massimo del 30 per cento del costo degli interventi che interessano le facciate degli edifici esistenti, nel limite di 3mila euro ad immobile. Un contributo che premia chi attinge al bonus statale per le facciate e lo va ad integrare. --© RIPRODUZIONE RISERVATA