scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/07/2021

Centro invaso dai rifiuti Hera si scusa per lo sciopero

La Repubblica - m. bett.

La vertenza nazionale
Spazzatura ovunque e portici invasi dai sacchetti. Ma ieri c'era un motivo preciso: lo sciopero generale dei lavoratori dei servizi ambientali. Le segnalazioni e le lamentele sono partite già di prima mattina. I sacchetti per la differenziata rimasti fuori dalla porta e i cassonetti quasi al completo hanno infatti spinto molti a segnalare la cosa sui social, con tanto di sdegno per le condizioni della città. Così Hera ha ammesso che, causa sciopero, «si sono verificati dei disservizi legati alla mancata raccolta dei rifiuti», ma anche che la situazione al termine dello sciopero e comunque entro la notte sarebbe stata risolta, tornando così «alla normalità». Il motivo della protesta, indetta da Cgil, Cisl e Uil in tutta Italia e per l'intera giornata di ieri, è l'articolo 177 del Codice degli appalti, che dal prossimo anno obbligherà le aziende concessionarie del servizio dei rifiuti, ma anche dell'energia e del gas, ad appaltare a ditte esterne l'80% delle attività. E questo, secondo i sindacati, costringerebbe le aziende «a spezzettare rapidamente il servizio con gare al ribasso e costi sociali, anche in previsione della perdita dei posti di lavoro e dell'applicazione contrattuale non di settore che ne deriverebbe». Contro la norma si è mossa di recente anche la Regione, secondo cui «si creerebbero forti rischi per il patrimonio di conoscenze acquisite, per gli investimenti futuri e, soprattutto, per le inevitabili ricadute occupazionali». -
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: kIl luogo Via Broccaindosso ieri