scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/02/2021

Centro associazioni, sì alla demolizione e rimozione dell’amianto

Corriere dell'Umbria

Case Nuove, ok al subappalto per abbattere la struttura ormai inagibile dal 2014. Al palo il progetto di recupero
Mancata manutenzione Il primo passo è la messa in sicurezza Eternit incapsulato Previsto lo smaltimento dei rifiuti pericolosi
di Alessandro Antonini PERUGIA Casa dell'associazionismo di Case nuove, ok alla demolizione. Con una determina del 23 febbraio è stato ammesso il subappalto alla ditta che dovrà occuparsi della "rimozione, trasporto e smaltimento amianto",fino ad arrivare "alla demolizione di parte dell'edifico con trasporto, carico, scarico e smaltimento rifiuti presso discarica, a favore della ditta Rb Recuperi 2000". Si dà anche atto che, "così come stabilito anche dal capitolato speciale d'appalto, l'impresa Marrone costruzioni srl, resta in ogni caso responsabile, nei confronti della Stazione appaltante, per l'esecuzione delle opere oggetto di subappalto". Il progetto esecutivo della "demolizione completa dell'edificio di proprietà del Comune di Perugia denominato "Casa dell'associazionismo di Case nuove" è stato approvato il 16 ottobre 2019. La demolizione completa e controllata dell'edificio, ex scuola della frazione, prevede una spesa complessiva di 60mila euro ed è propedeutica alla successiva riqualificazione dell'area. E' dal 2014 che lo stabile, negli ultimi anni diventato sede di associazioniculturali, sportive e ricreative, è stato dichiarato inagibile, come dato atto anche in un servizio del Corriere dell'Umbria del 31 agosto 2018. Quello della sua riqualificazione è un problema che viene dalla precedente amministrazione e che la giunta Romizi non ha ancora risolto.Il problemaè figlio anche di anni di mancata manutenzione. Non sono mancati accessi abusivi all'interno della struttura, con tutti i rischi connessi. Dentro ad una di quelle che sono state un tempo aule didattiche negli anni scorsi sono state trovare una ventina di bottiglie di birra vuote, segno di bivacchi, e rifiuti vari ammassati. C'erano anche fili elettrici scoperti e parti pericolanti. Chi è entrato ha rischiato di farsi male. Nella struttura sono anche presenti parti in amianto che negli anni scorsi sono state incapsulate. Cosa ci sarà dopo la demolizione? C'è un piano della Polisportiva, presentato tempo fa al Comune di Perugia. "La polisportiva", spiega il presidente David Ricci, "ha presentato una bozza di progetto per una struttura polifunzionale dedicata alle attività che operano nel terzo settore. Era la destinazione che aveva l'immobile prima della dismissione". Un progetto ambizioso, con standard di ecosostenobilità, dal costo da 600 mila euro. Ora, continua Ricci, l'uico progetto in campo riguarda "la demolizione e la messa in sicurezza". Ma c'è chi sostiene che ora l'amministrazione valuta anche la creazione di un centro diurno per anziani.

Foto: Associazioni senza casa La struttura di Case Nuove era la dimora delle associazioni del quartiere La struttura sarà demolita e l'area messa in sicurezza