scarica l'app
MENU
Chiudi
13/11/2020

Centomila euro per il lavoro in difficoltà Bando del Comune per aziende e negozi

Il Tirreno - anna cecchini

L'assessore Prinetti: «Soldi a fondo perduto, da distribuire sulla base del calo dei fatturati rispetto al 2019» la crisi del commercio
ROSIGNANOCentomila euro da distribuire alle imprese in maggiore difficoltà. Il Comune di Rosignano ha deciso di incrementare la somma che, a fondo perduto, sarà utilizzata per aiutare le ditte che nel corso del 2020 hanno avuto forte decremento dei fatturati. Una somma che chiaramente l'amministrazione distribuirà sulla base di un bando. Proprio ieri mattina si è svolto un confronto video fra l'assessore al commercio Alice Prinetti e le associazioni di categoria - Confcommercio e Confesercenti, «con lo scopo di condividere la stesura del bando».Dopo il primo bando emanato a primavera per l'emergenza Covid, che ha portato alla suddivisione, proprio in questi giorni, di 30mila euro a 120 aziende locali che sono rimaste chiuse durante il lockdown, arriva quindi una nuova somma che l'amministrazione distribuirà a fondo perduto.100mila euro alle imprese«Abbiamo pensato - spiega l'assessore Prinetti - di andare a dare una mano a tutte le ditte in difficoltà. Il bando, e quindi l'accesso ai 100mila euro, non è riservato alle realtà economiche chiuse dai decreti del Governo ma a tutte le imprese. Stiamo chiaramente valutando di prevedere un tetto massimo del bilancio, sopra al quale le imprese non potranno essere ammesse al contributo». Come a dire che l'aiuto a fondo perduto previsto dal Comune è destinato ad attività piccole e medie, non a grandi compagnie.«È chiaro - spiega il sindaco Daniele Donati - che non saranno di contributi che avranno un ruolo risolutivo per le imprese in difficoltà, ma si tratta di un segnale importante, un aiuto tangibile a categorie in difficoltà». Nei giorni scorsi il sindaco aveva annunciato questa seconda manovra a favore di imprese e negozi, che in un primo momento doveva prevedere una somma totale di 30mila euro. «Poi siamo riusciti - dice Donati - a trovare altre risorse per incrementare questa somma». «Prevediamo una variazione di bilancio- spiega l'assessore al bilancio Ilaria Ribechini - , in modo da poter dare una mano concretamente a quelle imprese che quest'anno hanno avuto fatturati in notevole calo».i criteri per accedere ai fondiL'elaborazione del bando è in corso, anche sulla base del confronto con le associazioni di categoria. «Chiaramente - ripete Prinetti - , come per tutti i bandi, i soggetti che presenteranno le richieste dovranno essere in regola con il Durc e con le imposte come la Tari. Viste le difficoltà che le imprese hanno avuto nel corso del 2020, la regolarità del pagamento della Tari sarà valutata al 31 dicembre del 2019».chi potrà fare richiestaMolto ampio il ventaglio delle attività produttive che saranno ammesse al bando. «È chiaro che chi ha sempre lavorato - dice Prinetti - senza mai chiudere non credo potrà fare domanda. Per il resto stiamo pensando di inserire servizi alla persona, gli artigiani, chi opera nel settore turistico-ricettivo, oltre chiaramente a bar e ristoranti».I tempi Entro Natale l'amministrazione conta di pubblicare il bando, fornendo poi un tempo da venti giorni a un mese per la presentazione delle domande che chiaramente dovranno essere corredate da specifici documenti (che saranno indicati nel bando) che chiariscano la variazione del fatturato rispetto al 2019. Il Comune effettuerà verifiche della veridicità di queste dichiarazioni.--anna cecchini