scarica l'app
MENU
Chiudi
23/01/2019

C’è l’appalto per la nuova piazza Ha vinto la ditta Vespignani

QN - La Nazione

L'APPALTO per la nuova piazza e la riqualificazione di via Martiri della Libertà è stato vinto dalla ditta pistoiese Vespignani Costruzioni grazie a un'offerta di ribasso del 28 per cento rispetto all'importo totale dei lavori di 600mila euro oltre Iva che era posto alla base della gara. L'importo dei lavori, considerando il ribasso offerto dalla ditta Vespignani, ammonta a 436mila e 195 euro. La Vespignani Costruzioni ha battuto la concorrenza di altre cinque ditte che avevano risposto alle lettere d'invito inviate dalla Stazione unica appaltante della Provincia secondo la cosiddetta «procedura negoziata» decisa per questa gara. Per l'inizio dei lavori occorrerà attendere la verifica dei requisiti della ditta aggiudicatrice e, una volta resa definitiva l'aggiudicazione, il canonico periodo di trenta giorni per l'eventuale ricorso da parte delle altre ditte concorrenti. E' quindi prevedibile che con l'avvento della primavera aprirà il cantiere della piazza e di via Martiri, sicuramente l'opera pubblica più discussa tra quelle avviate dall'amministrazione guidata dal sindaco Ferdinando Betti. IL PROGETTO della nuova piazza prevede la pedonalizzazione dell'area davanti alla chiesa e lo spostamento del traffico sul lato ovest, dove la strada verrà ampliata diventando a doppio senso di circolazione e includendo nella carreggiata una fascia dell'attuale piazza, quella posta tra due file di tigli, dove, per intenderci, una volta venivano collocati i tavolini esterni del Bar Sport. La fila di tigli sul lato ovest rimarrà tra le due corsie della strada. Il monumento ai caduti, ora nel mezzo della piazza, verrà spostato nel punto centrale del lato nord. Il filare di tigli sul lato est sarà eliminato e al suo posto verranno collocate tre nuove piante, una di canfora e due bagolari. Sul lato sud della piazza verrà realizzato il cosiddetto muro-monumento, sicuramente l'elemento più contestato di tutto il progetto: due segmenti di muro alti due metri e lunghi 5 metri e mezzo distanziati tra loro da uno spazio di tre metri. IN VIA MARTIRI della libertà, dove rimarrà il senso unico già introdotto nel novembre 2017 con i lavori di Publiacqua, sarà realizzato un percorso ciclo-pedonale promiscuo lungo il lato sud che affiancherà il marciapiede nel tratto da via Guazzini a via Amendola e si estenderà nel tratto successivo anche alla fascia ora occupata dagli alberi, che verranno rimossi. Accanto al percorso ciclo-pedonale sono previsti i posti per la sosta delle auto. CONTRO il progetto della piazza è stata promossa una petizione popolare con circa 900 firme i cui promotori, Sinistra Unita, il Centrodestra, accusano la giunta e il sindaco di non aver voluto ascoltare i cittadini. Gli elementi più contestati del progetto della piazza sono il muro-monumento e l'eliminazione di una parte delle piante di tiglio. Su via Martiri il centrodestra sostiene che il percorso ciclo-pedonale è inutile e pericoloso. Il sindaco Betti afferma che la piazza nuova sarà più bella e fruibile e che la nuova viabilità sarà più sicura e scorrevole. Giacomo Bini SCHEDA

La petizione

E' stata promossa da Sinistra Unita e dal Centrodestra e sono state raccolte 900 firme


Le contestazioni

Sono il muro-monumento l'eliminazione di alcuni tigli e si sostiene che il percorso ciclopedonale sia inutile e pericoloso


La base della gara

Il totale, Iva compresa, era di 600mila euro Il ribasso offerto è stato del 28 per cento