MENU
Chiudi
03/10/2018

C’è il sì di Enac: 3,3 milioni per il bando dell’aeroporto

Il Tirreno - Luca Centini

Via libera alle risorse aggiuntive per i voli con Pisa, Firenze e Milano Linate Boccardo: «Grande risultato». Ma è già corsa contro il tempo per l'aggiudicazione continuità territoriale C'è il sì di Enac: 3,3 milioni per il bando dell'aeroporto Via libera alle risorse aggiuntive per i voli con Pisa, Firenze e Milano Linate Boccardo: «Grande risultato». Ma è già corsa contro il tempo per l'aggiudicazione continuità territoriale
Luca Centini / CAMPO NELL'ELBAIl via libera tanto atteso di Enac è arrivato. Da Roma arriveranno 250mila euro annui in più oltre agli 850mila già stanziati (500mila dal ministero dei trasporti e 350mila dalla Regione) per dare sostanza al bando della continuità territoriale. Così la compagnia che garantirà 3 anni di collegamenti tra l'Elba e gli aeroporti di Pisa, Firenze e Milano Linate potrà contare su un finanziamento pubblico di 3,3 milioni di euro. Ma per passare dagli obiettivi alla realtà occorrerà bruciare le tappe: il bando dovrà essere aggiudicato in tempo per far scattare il servizio a giugno, in modo da non perdere altro tempo prezioso. Il sì di EnacIl gioco di squadra ha dato il risultato sperato. Le risorse aggiuntive sono state chieste ad Enac da tutta l'isola con il sostegno delle istituzioni. La scorsa settimana. Nel corso del convegno Rotary "Volere per Volare" l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli aveva ricordato come la stessa Regione avesse pressato sulla questione della continuità territoriale elbana anche il ministro alle infrastrutture Danilo Toninelli. Nelle scorse ore tutti i sindaci dell'isola, su impulso del Comune di Campo nell'Elba, hanno inviato una lettera ad Enac, ribadendo come il servizio di continuità territoriale fosse importante per la comunità elbana. Ieri mattina la continuità territoriale elbana era il terzo punto all'ordine del giorno dell'assemblea del consiglio di amministrazione di Enac. Alla fine della riunione l'isola ha potuto tirare un sospiro di sollievo. Ora corsa contro il tempo «Grande soddisfazione, abbiamo ottenuto un risultato importante». È il commento a caldo dell'amministratore unico di Alatoscana Claudio Boccardo che ringrazia Enac per «la sensibilità dimostrata verso l'Elba» e l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli «per il grande supporto che ci ha dato». La partita, tuttavia, è solo all'inizio. E Boccardo conta che la stessa sollecitudine con cui Enac ha deliberato l'aumento dello stanziamento pubblico sia messa in campo nella fase di pubblicazione e aggiudicazione del servizio. «Il bando - spiega Boccardo - è praticamente già pronto, il primo passo è la convocazione in tempi rapidissimi della conferenza dei servizi, ma sono certo che la Regione non perderà tempo». L'obiettivo è ripristinare i collegamenti con Pisa, Firenze e Milano nel giugno 2019, garantendo al vettore che si aggiudicherà il servizio il tempo necessario per programmare e promuovere il servizio. «Uno scoglio è legato alla interpretazione della norma che regola il periodo che deve intercorrere tra la pubblicazione e l'aggiudicazione del servizio. Sono sei mesi per i territori che avevano un servizio di continuità territoriale attivo, quattro per i territori che ne erano sprovvisti. Secondo noi l'Elba, visto il lungo stop, rientra in questa seconda casistica». Altra incognita sta nei tempi tecnici previsti per la pubblicazione degli atti sulla gazzetta ufficiale italiana ed europea. La nota lieta, al momento, è legata ai soldi. «3,3 milioni in tre anni - commenta Boccardo - sono una cifra buona che permette ai vettori interessati di assorbire i recenti aumenti dei costi per il carburante e la rivalutazione del dollaro. In questo modo il bando è interessante». --

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore