scarica l'app
MENU
Chiudi
03/09/2020

C’è il bando da 100mila euro per valorizzare il territorio

L'Arena di Verona

VALPOLICELLA. I Comuni puntano ad aumentare le visite e i soggiorni
È destinato a operatori del turismo e agricoltori per acquistare macchinari, attrezzature e brevetti
Valpolicella e turisti in bicicletta, nuove opportunità per agricoltori, operatori dell'accoglienza ed erogatori di servizi. Il Gal Baldo-Lessinia ha messo a bando 100mila euro per il progetto chiave Sviluppo del turismo sostenibile in Valpolicella: il cicloturismo, collegato al grande progetto di percorsi ciclabili che nei comuni della Valpolicella e della Valdadige ha visto nascere una rete di 200 chilometri ciclabili tabellati. Al bando del Gal possono accedere piccole imprese e persone fisiche di sei Comuni (Negrar di Valpolicella, Sant'Ambrogio di Valpolicella, Marano di Valpolicella, Fumane, Dolcè e Sant'Anna d'Alfaedo) per investimenti finalizzati all'acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e programmi informatici, alla creazione di siti internet, all'acquisizione di brevetti o licenze, diritti d'autore e marchi commerciali. I progetti vanno presentati entro lunedì 7 settembre. Per maggiori informazioni ci si può rivolgere agli uffici del Gal Baldo-Lessinia (045.6780048; e-mail gal@baldolessinia.it). «Si tratta di un bando di completamento del percorso legato al progetto chiave con esplicita volontà di coinvolgere i privati, che rappresentano una delle priorità da valorizzare», afferma il presidente del Gal Baldo-Lessinia, Ermanno Anselmi. In pratica, un'occasione da non perdere secondo molti amministratori comunali che in questi anni hanno creduto nella realizzazione dei percorsi ciclabili anche per favorire microimprese locali ed economia. «Alcuni piccoli imprenditori hanno già presentato al Gal i loro progetti e sono molto interessanti, ne attendiamo altri», spiega il vice sindaco di Negrar di Valpolicella, Fausto Rossignoli. «Il bando finanzia iniziative che puntano a migliorare l'accoglienza e l'attrazione del territorio per il turismo sostenibile, come quello che si sta sviluppando intorno alla rete ciclabile realizzata lo scorso anno dai Comuni di Valpolicella e Valdadige. L'enoturismo è in espansione e crediamo che, in futuro, avrà un peso economico sempre più importante per aziende e famiglie». Secondo Rossignoli la Valpolicella storica, che da Dolcè arriva fino a Parona, ha tutte le carte in regola per diventare leader nel turismo sostenibile. «Per un obiettivo così ambizioso, però, dobbiamo lavorare tutti insieme e i ruoli debbono essere chiari», sottolinea. «Negrar con gli altri Comuni continuerà a lavorare per strutturare meglio la rete cicloturistica e per proteggere e valorizzare le ricchezze del territorio».