scarica l'app
MENU
Chiudi
12/12/2019

C&C, con i soldi della Regione via metà dei rifiuti pericolosi

Il Mattino di Padova - Gianni Biasetto

Il sindaco di Pernumia: «Come Comune siamo pronti a bandire la gara europea L'importante è che la bonifica venga fatta nel più breve tempo possibile» la fabbrica dei veleni
Gianni BiasettoDUE CARRARE. Con i 5 milioni di euro della Legge speciale per Venezia destinati martedì dal Consiglio regionale alla bonifica della ex C&C di Pernumia, saranno asportate 19. 000 delle 43. 500 tonnellate di scarti pericolosi ammassati nei capannoni di via Granze. Nell'ultima gara d'appalto l'offerta fatta dalla ditta Garc Spa di Carpi (Modena) per la bonifica di 1.500 tonnellate, il costo di smaltimento è stato di 250 euro a tonnellata. Una parte del contributo regionale (circa 200. 000 euro) verrà speso per la gara d'appalto europea e per le consulenze tecniche per garantire la massima sicurezza durante le operazioni di movimentazione del materiale pericoloso e del trasporto in discarica.IL SINDACO«È un bel regalo di Natale che la Regione Veneto fa ai cittadini di Pernumia in primis, ma anche dei comuni limitrofi di Battaglia Terme e Due Carrare che confinano con il sito pericoloso», afferma il sindaco di Pernumia Luciano Simonetto. «Si tratta di una cifra importante che servirà a portare in discarica la metà del contenuto di quei capannoni. Come comune, anche se disponiamo di una struttura tecnica di modeste dimensioni, grazie all'esperienza fatta un paio d'anni fa siamo attrezzati per bandire la gara europea. Se la Regione, che è meglio strutturata vuole agire per proprio conto, ben venga. L'importante che è la bonifica venga fatta nel più breve tempo possibile». Dopo le dichiarazioni dell'assessore regionale Roberto Marcato, che ha evidenziato che si tratta di una cifra importante per la salvaguardia dell'ambiente e ha ringraziato i consiglieri regionali di maggioranza e di opposizione per il voto unanime, arriva il commento del consigliere padovano della lista Zaia Presidente, Luciano Sandonà. il consigliere«Quello della ex C&C è un problema gravissimo, un pericolo per l'ambiente che merita la massima attenzione», afferma Sandonà. «Conosco bene il sito, la Regione nel concedere il contributo ha voluto dimostrare il proprio impegno per mettere in sicurezza l'area. Ricordo che a margine dei capannoni pieni di rifiuti scorre il canale Vingenzone che scarica l'acqua in laguna. Nel malaugurato caso di un'esondazione il danno sarebbe colossale. Il nostro interessamento riguarda ora il reperimento dei fondi necessari alla completa bonifica della ex C&C».LA SICUREZZAI tecnici del comune di Pernumia non escludono che prima o durante le operazioni di smaltimento delle 19. 000 tonnellate previste con questo finanziamento, si renda necessaria una manutenzione straordinaria della struttura dove sono ammassati dal 2005 i rifiuti. Dalle coperture dei capannoni sembra penetri acqua e questo è un problema che va affrontato prima che sia troppo tardi. --© RIPRODUZIONE RISERVATA