MENU
Chiudi
22/10/2018

Caso appalti a Giulianova Rosci spara a zero sul Pd

Il Centro

Per il capogruppo di Mdp c'è il rischio di perdere i fondi per la nuova caserma «L'azione del Partito democratico taglia le gambe alla comunità giuliese»
di Alfonso Aloisi GIULIANOVA Il capogruppo di Articolo 1-Mdp Valerio Rosci attacca ancora il Pd e certifica definitivamente la frattura, a questo punto insanabile, esistente tra i due gruppi di maggioranza. Rosci prende spunto dalla gara d'appalto per la nuova caserma dei carabinieri in corso presso la stazione unica appaltante della Provincia e afferma: «Nel corso dell'ultimo consiglio comunale ricordo perfettamente il ridicolo intervento, scritto e fatto in due momenti diversi, della capogruppo del Pd nonché consigliera provinciale Federica Vasanella , che diceva che la Provincia il 28 ottobre avrebbe aggiudicato la gara per la nuova caserma dei carabinieri. Ricordo ora alla signora Vasanella ed al Pd giuliese in generale, compreso il segretario Gabriele Filipponi , che per loro responsabilità non solo questa amministrazione comunale non potrà investire la somma di oltre un milione di euro messa in bilancio per le opere pubbliche e la manutenzione della città, ma potrebbe verificarsi il peggio a causa dell'incapacità politica e amministrativa della consigliera Vasanella che ha puntato i piedi contro l'uscita dalla Suap in linea con le direttive fornite dal suo capobastone mentendo sull'assegnazione della gara per la realizzazione della caserma entro il 28 ottobre. Così ovviamente non sarà e Giulianova rischia concretamente di perdere i fondi per la caserma vanificando tutti gli sforzi prodotti sino ad oggi stroncando di fatto le aspettative di una intera città». Il consigliere di Articolo 1-Mdp sostiene che il Pd sia stato il fautore di una amministrazione nella quale è stato oggettivamente il maggior azionista e, a causa di ambizioni varie meramente personali, anche il fautore di un fallimento di una azione politica che ha tagliato le gambe all'intera comunità giuliese. «A questa», conclude Rosci, «è stata negata evidentemente la possibilità di progredire e ottenere ciò che le spetta e ciò per il quale altri hanno lavorato ininterrottamente per il bene della città. Spero vivamente che i cittadini non dimentichino questi rappresentanti del Pd locale nei prossimi appuntamenti elettorali». Il consigliere da ultimo ricorda che quattro comuni a guida Pd si apprestano ad entrare in Asmel, la stessa società ch egfestisce gli appalti alla quale voleva aderire Giulianova, secondo la proposta di Mastromauro poi bocciata dal Pd, e conclude: «Il Pd giuliese è fuori dalla realtà, proiettato solo a riposizionamenti personali e non verso il bene della città. Scandalosa l'opposizione dove solo Arboretti si è distinto per serietà e responsabilità».

Foto: Valerio Rosci, capogruppo di Articolo 1 Mdp

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore