scarica l'app
MENU
Chiudi
14/01/2020

Casa della Salute, tutto da rifare

QN - Il Resto del Carlino

Si spera sia quello definitivo il nuovo capitolo che si apre per il cantiere della Casa della Salute di Carpi. Dopo l'ennesima vicissitudine che ha interessato i lavori di realizzazione, l'Azienda Usl di Modena ha disposto lo scioglimento del contratto con Elettroservice Group Srl. «La decisione - fa saper l'Ausl - si è resa necessaria a causa della perdita dei requisiti, richiesti dall'avviso di gara, dell'impresa stessa, a seguito della cessione del ramo d'azienda da Elettroservice Group Srl a Elettroservice Srl». «Il Servizio Unico delle Attività tecniche dell'Ausl predisporrà, nel più breve tempo possibile, la nuova procedura per l'aggiudicazione dei lavori, al fine di procedere con l'esecuzione di un'opera di cruciale importanza per la qualità dell'offerta assistenziale rivolta ai cittadini». Esprime soddisfazione Tamara Calzolari, assessore alle Politiche sanitarie: «Finalmente! Si tratta di una notizia molto positiva, che attendevamo. Lo scorso novembre avevamo chiesto al direttore generale dell'Ausl e al direttore sanitario di distretto di intervenire per sbloccare la situazione di stallo che si era creata, a fronte di un'opera indispensabile per la sanità carpigiana». «Il nostro auspicio - prosegue - è che la nuova assegnazione avvenga nel minor tempo possibile e che entro qualche mese il cantiere possa partire». Un'opera che è stata segnata da più vicende che ne hanno rallentato la realizzazione: dopo una lunga fase di progettazione, nel luglio 2018 sono iniziati i lavori affidati dall'Ausl alla Tes Energia di Marcianise, nel casertano, per un valore di circa 4 milioni di euro, a carico dell'Ausl. La tabella di marcia prevedeva la conclusione entro due anni ma, a pochi mesi dalla partenza, tutto si è fermato: il 10 dicembre 2018 il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha dichiarato il fallimento dell'azienda. Dopo qualche mese dalla rescissione del contratto, a marzo 2019 i lavori sono stati riaffidati alla Elettroservice Group Srl, società facente parte dello stesso raggruppamento, una volta verificato che fosse singolarmente in possesso dei requisiti tecnici richiesti dall'avviso di gara. Con la cessione del ramo di azienda, lo scorso ottobre, lo scenario è però di nuovo cambiato in quanto la nuova società (Elettroservice srl) non risulta in possesso di tali requisiti, previsti dalla normativa del Codice degli Appalti. Di qui la decisione dello scioglimento del contratto con Elettroservice Group Srl. Maria Silvia Cabri