scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/03/2021

Casa della salute di Chiaravalle L’ Asp dà il via libera all’appalto

Gazzetta del Sud

Progetto revisionatoe adeguato alle richieste di Invitalia
Previsti lavori di demolizionee ricostruzione dell' edifico
Vincenzo Iozzo CHIAR AVALLE La commissione straordinaria dell' azienda sanitaria provinciale di Catanzaro ha approvato gli elaborati tecnici revisionati, necessari per dare corso ai lavori di demolizionee ricostruzione dell' edifico che dovrà ospitare la Casa della salute. Triade commissariale che ha provveduto pure, attraverso un atto deliberativo ad autorizzare Invitalia ad assumere un apposto codice per la procedura di gara. La nuova consegna ad Invitalia,l' agenzia nazionale perl' att razione degli investimenti che gestisce l' appalto dei lavori, siè resa necessaria dopo una serie di chiarimenti richiesti sul progetto che andrà in appalto. Tuttoè partito dalla convenzione dell' ottobre del 2017 sottoscritta dalla Regione Calabriael' Asp che ha assegnato al centro delle Preserre8 milionie cento mila euroa valere sui fondi Pac per la realizzazione della Casa della Salute. Adesso una volta individuatii vari responsabili si lavora concretamente alla realizzazione del progetto redatto dall' Aice Consulting di Ghezzano in provincia di Pisa che prevede la costruzione dell' immobile sull' area concessa dal comune di Chiaravalle che aveva individuato nella zona dei parcheggi dell' ex sezione Staccata del Tribunale dove realizzare il nuovo manufatto, mentre, del vecchio " San Biagio" in quanto dichiarato vulnerabile dal punto di vista sismico, resterà ben poco perché il destino sarà quello della demolizione. Struttura realizzata intorno agli anni' 70 che sarà rasa al suolo per fare posto ad una serie di spazi da utilizzare per la nuova struttura. Invitalia che dall' Asp attraverso Renato Repici, responsabile unico del procedimento ha avuto tutte le garanzie necessaria sia per quanto concernel' accessibilità delle areee degli immobili interessati dalle attività, secondo le indicazioni risultanti dagli elaborati progettuali. Altro punto riguarda purel' assenza di impedimenti sopravvenuti rispetto agli accertamenti effettuati prima dell'app rovazione del progetto esecutivo. In estrema sintesiè stato dato disco verde per la pubblicazione dell' appalto nei tempi previsti dalla normativa nazionale. Argomento cheè passato pure sul tavolo del sindaco della città Domenico Donato, anche sel' ente in questa fase, avendo esaurito tutti gli interventi di competenza, sta aspettando il concretizzarsi dei vari processi amministrativi. «Credo che dalla fine del 2017 quandoc'è stato il primo atto riguardante la firma sulla convenzione- ha detto il sindaco- ci sono stati una serie di ostacoli superati in maniera tempestiva. Mi riferisco al decreto Calabria che non ha permesso alla Regione Calabria di poter espletarei compiti di stazione appaltante, individuato in altre sedi e regioni le competenze che potevano essere portatea compimento con le nostre risorse umanee professionali in dotazione». Casa della salute che resta un punto fermo nell' azione della giunta municipale, quale presidio necessario per la gestione della sanità nel comprensorio delle Preserre, appannaggio della medicina distrettuale territoriale. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Il sindaco Donato: dalla fine del 2017 abbiamo superato numerosi ostacoli per centrare il risultato


Foto: La Casa della salute Adesso si può iniziarea parlare di rilancio della struttura sanitaria