MENU
Chiudi
10/08/2018

Carancini: «Puntano a dividerci»

Corriere Adriatico

LO STOP
MACERATA Il Comune di Macerata ha un avanzo di amministrazione di oltre 7milioni di euro, pur se bloccato, perché spalmato tra il fondo crediti di dubbia esigibilità e il Fondo pluriennale vincolato, previsto dalle normative in materia di contabilità degli Enti pubblici. Macerata è, dunque, un Comune virtuoso. Ieri, dopo la notizia del blocco, da parte del Governo giallo-verde, delle risorse per il bando periferie, 3,6miliardi a livello nazionale, che significano oltre 12milioni di euro per Macerata per il progetto di riqualificazione del Centro Fiere di Villa Potenza, il sindaco, Romano Carancini, ha imputato tale blocco alla copertura del buco nei conti pubblici che si creerà proprio con lo sblocco degli avanzi di amministrazione dei bilanci dei Comuni.
I fondi
A spiegare la situazione delle finanze maceratesi è l'assessore al Bilancio, Marco Caldarelli, che sottolinea: «Il Comune di Macerata ha un consistente avanzo di amministrazione, pari a oltre 7milioni di euro, ma vincolato. L'avanzo, infatti, è accantonato in fondi che possiamo sbloccare gradatamente, nel caso in cui si sblocchino i residui attivi. Una parte è accantonata nel Fondo pluriennale vincolato e una parte nel fondo crediti di dubbia esigibilità. Basti pensare che, tra questi ultimi crediti, vantiamo oltre 4milioni da incassare dal ministero della Giustizia. Il calcolo che abbiamo fatto, nell'ultimo bilancio approvato, riguardo tali crediti è prudenziale e ponderato». Comune virtuoso, dunque, ma sta di fatto che la buona amministrazione finanziaria dell'Ente non può dare frutti, altro che sblocco. Nello specifico, ovvero per quello che riguarda il congelamento delle risorse statali per i Comuni che hanno partecipato a bando periferie, aggiudicandosi una quota per la riqualificazione di strutture degradate, è il sindaco, Romano Carancini, a commentare, a mente fredda, qual è la situazione per il Comune di Macerata, dopo il blocco di quasi 12,5milioni di euro: «Purtroppo, il problema è che no si tiene più conto del valore delle Istituzioni, indipendentemente da chi governa. Nel caso del bando periferie, infatti, il vecchio Governo aveva fatto un ragionamento per tutti i Comuni, tanto che, tra l'altro, c'è un bando ad hoc anche per la riqualificazione delle periferie anche dei Comuni non Capoluogo. Il rischio vero aggiunge il sindaco Carancini - è che questa diventi una battaglia politica e che si perda di vista il buon senso e la serietà di quanto fatto. Il rischio vero, dunque, è che il Governo, in questo momento, non guardi al bene delle città, ma si scagli contro qualcuno, in sostanza contro Matteo Renzi». Carancini, che non è mai stato un super fan dell'ex premier ed ex segretario del Pd, Matteo Renzi, ma, in questo caso, il provvedimento del precedente Governo viene difeso dal primo cittadino maceratese, »non in ragione di appartenenza politica, quanto perché si tratta di un bando che favorisce lo sviluppo delle comunità territoriali».
Come la Tav
Il sindaco, infatti, nella sua analisi politico amministrativa del Governo, paragona il blocco del bando periferie a quello della Tav: «Questo Governo dice Carancini sta sovvertendo le regole basilari, facendo cose gravissime. Basti pensare alla Tav, sulla quale un giorno dicono che non si farà più e il giorno dopo che si farà. Per quello che ci riguarda, ovvero per il bando periferie, la più grande scorrettezza è che loro, ovvero chi ci governa, non l'hanno detto in campagna elettorale, e adesso giustificano tutto con gli sblocchi degli avanzi di amministrazione. Avrebbero dovuto dire che volevano annullare tutti i bandi, ma, senza dire niente a nessuno, ora smontano le decisioni assunte, cose non dette in campagna elettorale, un attacco scorretto nei confronti di chi non sta con loro». Carancini, poi, aggiunge: «So che l'Anci sta lavorando per poter andare avanti, ma la cosa che temo è che il Governo possa accontentare qualcuno a danno di altri, cosa inaccettabile».
Nicola Paciarelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore