MENU
Chiudi
15/09/2018

Cantieri edili dell’Ater e “nuovi” affidamenti In allarme 200 imprese

Il Piccolo di Trieste - Massimo Greco

In ballo un budget di 10 milioni annui per le manutenzioni Confartigianato chiede chiarimenti: incontro con l'Azienda opere pubbliche e incarichi
Massimo GrecoIn fibrillazione l'artigianato legato all'attività edilizia: la preoccupazione è che Ater, grande dispensatrice di lavoro sul territorio, cambi le regole nell'affidamento degli interventi manutentivi, con il risultato di limitare di fatto l'operatività delle aziende locali. I numeri sono significativi: sono interessate non meno di 200 piccole imprese, dai muratori agli impiantisti, per un totale di occupati non inferiore alle 600 unità. La posta in gioco, ovvero il budget Ater, raggiunge i 10 milioni di euro annui, tali da creare uno dei più ricchi volani dell'area giuliana.Ma il direttore di Ater Trieste, Antonio Ius, nega che vi siano cambi di rotta nelle politiche di appalto, che - precisa il manager - «seguiranno le procedure vigenti». Ius suppone che l'approssimarsi della data del 18 ottobre, quando scatterà l'obbligo di utilizzo dei mezzi di comunicazione elettronici nello svolgimento delle aggiudicazioni, possa aver causato agitazioni non motivate. «Saremo attenti nel garantire la maggiore rotazione possibile tra le aziende chiamate, saremo puntuali nel garantire la maggiore paritarietà possibile nei criteri di affidamento, ma nella sostanza continueremo a operare secondo le linee finora adottate», chiarisce ancora il direttore di Ater Trieste, che comunque gradirebbe una maggiore semplificazione procedurale.Analoghe delucidazioni erano state illustrate da Ius nel corso di un colloquio sollecitato dal direttore di Confartigianato Trieste, Enrico Eva, a sua volta messo sull'avviso dal presidente degli edili confartigianali, Maurizio Decli, che gli aveva trasmesso una nota piuttosto articolata. A giudizio di Decli, Ater Trieste avrebbe aderito alla rete di stazioni appaltanti del Friuli Venezia Giulia https://eappalti.regione.fvg.it7web/albo fornitori. html. Il regolamento delle iscrizioni è considerato dal presidente degli edili «burocraticamente molto complesso». Sempre secondo Decli, sulla base di direttive regionali vincolanti Ater Trieste dovrà mettere in gara tutti gli affidamenti sopra 40 mila euro con obbligo di iscrizione al portale "eappaltifvg". Poi ogni singola ditta potrà gestire nell'arco dell'anno solare affidamenti fino a 40 mila euro e non ne potrà ricevere altri: Decli ricorda che attualmente ci sono aziende che fatturano fino a 200 mila euro (cinque volte l'importo in precedenza indicato), questa fascia di imprese «licenzierà i dipendenti e sarà destinata al fallimento invece di crescere e reinvestire». Non è finita: Decli è convinto che l'azienda, cui viene accreditato un affidamento inferiore a 40 mila euro, non potrà partecipare alla gara relativa all'appalto successivo. Con risvolti paradossali, commenta il presidente degli edili confartigianali, nella modalità rotazionale delle imprese. Decli, che ha consultato il Codice degli appalti (decreto legislativo 50/2016), aveva intravvisto possibilità di deroga applicativa (natura specialistica, strumenti di comunicazione, violazione della sicurezza elettronica, ecc.), tanto da indurlo a chiedere alla stessa Ater un rinvio a tempo indeterminato. Ma Ius ha informato Eva riguardo il "no problem" sulla questione. Resta però da chiarire perché all'interno della categoria è sorto quel fermento, di cui Decli è stato portavoce. Le manutenzioni sono un capitolo importante nell'attività Ater. A luglio Ius aveva comunicato che l'azienda avrebbe investito 11,5 milioni nel corso del 2018, per risistemare quasi 350 alloggi. Le priorità concentrate sul patrimonio edilizio più attempato, come Valmaura, Rozzol Melara, Borgo San Sergio, Campi Elisi, Poggi Paese. La domanda di casa - aveva osservato Ius alcuni mesi prima - era scesa del 10% nell'arco di un quinquennio, dalle 4.500 richieste alle 3.920 del 2018. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore