scarica l'app
MENU
Chiudi
10/03/2020

Campus scolastico, è tutto pronto: «Progetto da 7 milioni»

Il Gazzettino

RIUNIRA' LE MEDIE E LE ELEMENTARI ALL'EX BECHER. «DAREMO IL COMPITO A UN PROFESSIONISTA DI ALTO LIVELLO»
CORNUDA
Pubblicato il bando per il progetto definitivo relativo al nuovo polo scolastico che sorgerà a Cornuda in via XXX Aprile. L'area dove in precedenza era situato lo stabile dismesso del salumificio El Becher, abbattuto lo scorso anno, si appresta quindi a ospitare un vero e proprio campus che riunirà le scuole elementari e medie del paese. L'amministrazione comunale, infatti, ha provveduto nei giorni scorsi a comunicare il via libera alla Provincia di Treviso, stazione appaltante, per presentare il bando di gara al fine di individuare lo studio di progettazione che avrà il compito di redigere il progetto definitivo del primo stralcio del nuovo polo scolastico cornudese che comprende urbanizzazione, scuola media e palestra. L'ammontare delle spese professionali è pari a 370mila euro su un importo lavori che si aggira intorno ai 7 milioni di euro. Per la presentazione delle offerte c'è tempo fino al 7 aprile, giorno in cui è stato fissato il termine ultimo.
BOZZA ENTRO L'ESTATE
Soddisfatto Enrico Gallina, vicesindaco di Cornuda, che affida a un comunicato le proprie riflessioni: «L'iter per la realizzazione del primo stralcio del nuovo campus scolastico sta procedendo al meglio -commenta- considerate le numerose formalità da espletare legate a un progetto di queste dimensioni. Gli uffici hanno lavorato costantemente in collaborazione con la Provincia in modo da costruire un bando che ci consenta di affidare l'incarico a un professionista di alto livello. Contiamo di poter avere una bozza del progetto definitivo entro la prossima estate al fine di poterlo condividere con tutti i soggetti interessati, istituzioni scolastiche in primis, anche in vista di eventuali migliorie». Gallina guarda poi al percorso fatto fin qui e analizza le prossime tappe: «In sede di bilancio -spiega- abbiamo previsto l'intera somma di 7 milioni di euro per realizzare il primo stralcio dell'opera, adesso siamo in attesa dei decreti ministeriali di assegnazione definitiva delle risorse, che dovrebbero essere pronti a breve, in primavera. Il percorso per la costruzione del nuovo polo scolastico è pertanto concretamente tracciato, anche alla luce dell'inserimento dell'opera nel programma triennale dei lavori pubblici». Altra nota lieta proviene dal confronto effettuato con altre realtà. C'è infatti ottimismo in relazione al tangibile risparmio che potrebbe derivare: «Considerate le gare svoltesi in altri Comuni -osserva Gallina- possiamo sperare in un ribasso d'asta per il progetto tra il 30 ed il 40%».
Federico Fioretti