scarica l'app
MENU
Chiudi
31/01/2020

Campo da calcetto chiuso a Santa Maria Nuova

QN - Il Resto del Carlino

SANTA MARIA NUOVA L'area sportiva composta da due campi di calcetto, relativi spogliatoi e dal Cocco's Bar a Santa Maria Nuova, frazione di Bertinoro, è chiusa dal mese di ottobre. Al momento resta attivo solo il campo ci calcetto in erba sintetica a libero accesso, ma anche questo chiuderà il prossimo sabato. Proprio questo fatto infastidisce ancora di più alcuni residenti che lamentano come, soprattutto il campo ad utenza libera, sia una delle pochissime aree a disposizione per ragazzi e bambini di tutta la frazione bertinorese. L'area, di proprietà comunale, è sempre stata gestita dalla Polisportiva 1980 per effetto di bandi che si susseguono circa ogni 10 anni. «Purtroppo il Comune non ha emanato il bando in tempo - spiega Flavio Amadori, residente nella frazione -, la convenzione è scaduta lo scorso marzo, poi prorogata fino a ottobre, ma il primo bando è uscito solo a luglio». La Polisportiva a questo primo bando non ha però partecipato, ritenendolo troppo oneroso. Il bar soprattutto necessita di alcuni lavori: messa a norma del bagno per disabili, rifacimento dell'impianto elettrico, sistemazione del tetto. Proprio il bar e il campo a pagamento sono gli unici introiti dell'area e i lavori devono essere eseguiti da chi si aggiudica il bando, in cambio della gestione dell'area per almeno 9 anni. Deserto il primo bando, l'amministrazione comunale ha indetto un secondo bando a novembre. «A questo abbiamo partecipato - spiegano gli appartenenti alla Polisportiva -, proprio per dare un servizio al paese». Le buste sono state aperte pochi giorni fa. «L'istruttoria per l'aggiudicazione della gestione - spiega l'assessore allo sport, Federico Campori - richiede qualche tempo tecnico, quindi è probabile che il campo ad utenza libera rimanga chiuso per qualche settimana, forse quindici giorni, il tempo di definire il contratto». A questo punto il campo di calcetto potrà riaprire, mentre la Polisportiva dovrebbe avere il tempo di svolgere i lavori nel bar per poterlo riaprire a maggio, in tempo per le attività estive. «Cercheremo di accelerare tutto quanto possibile per dare l'inizio dei lavori - afferma l'assessore -. Il bando è stato realizzato nel rispetto di tutte le norme, non potevamo certo fare diversamente, ma abbiamo aumentato gli anni di gestione dato l'ammontare dei lavori da realizzare. Dobbiamo solo ringraziare i ragazzi della Polisportiva, così come i vari volontari delle altre associazioni che si fanno carico di gestire strutture altrimenti impossibili da far operare. Una sola precisazione, però, - conclude Campori - il secondo bando era identico al primo, ma ci sta che ci si prenda un po' più di tempo per ragionare su come affrontare un'impresa del genere, soprattutto da parte di volontari». Matteo Bondi © RIPRODUZIONE RISERVATA