scarica l'app
MENU
Chiudi
27/06/2020

Campanelli muti per gli infermieri

Il Tempo - ANTONIO SBRAGA

POLICLINICO TOR VERGATA
Ipazienti non possono più chiedere aiuto
I campanelli d'allarme non suonano più da oltre un mese e così il sistema di chiamata degente-infermiere è rimasto solo a «luci rosse». No, niente sesso: Sos semmai. Non si tratta di una sexy-commedia scollacciata degli anni '70, ma delle luci alle porte delle stanze di degenza nella Torre 6 del policlinico Tor Vergata: sono rimaste senza segnalatori acustici. Un guasto tecnico ha, infatti, ammutolito «i campanelli acustici che servono ai pazienti per chiedere l'intervento delpersonale sanitario, fuori uso dal 21 maggio scorso e, nonostante le nostre reiterate richieste di intervento - denuncia la Cisl Fp Roma capitale niente è stato fatto nell'intera ala, che sta lavorando da più di un mese in completa violazione delle norme della sicurezza sul lavoro. Dopo aver scritto più volte alla direzione del Ptv e aver sollevato la questione in un'apposita riunione convocata dai vertici aziendali, denunciamo la gravissima situazione in cui si trova a lavorare il personale e le condizioni di fortissimo rischio che corrono i319pazienti ricoverati, solo 11 dei quali sono stati provvisoriamente dotati di un teledrin». Però l'azienda ospedaliera ribatte assicurando «che non esiste alcun pericolo per i pazienti del PTV: contiamo di concludere i lavori di sostituzione dell'intero sistema in un tempo massimo di tre settimane per eliminare il disagio che questo guasto bloccante della "chiamata sonora" ha generato, pur lasciando attive le funzioni visive». Che però, a giudizio dei sindacalisti, sono troppo limitate, perché se «gli infermieri sono costretti ad affidarsi al solo sistema visivo, le luci rosse, significa lavorare facendosi carico di un rischio professionale elevatissimo, considerando che le richieste di intervento possono scattare in qualsiasi momento, anche quando il personale è impegnato nella cura e nell'assistenza degli altri pazienti e che, con i corridoi a forma di L, la vista è impedita in ampi tratti delle corsie», spiega la Cisl. Ma la direzione generale del Ptv replica ricordando che, «nelle more dell'attivazione del nuovo sistema, il Policlinico ha acquisito in economia 3 sistemi di wireless stand alone per i reparti con stanze in isolamento. Sarebbe stato impossibile agire prima in considerazione dei tempi imposti dal codice degli appalti: il Policlinico è intervenuto tempestivamente sul problema improvvisamente creatosi, tanto che nel giro di un mese ha aggiudicato la gara per il nuovo sistema di chiamata». L'impianto costerà 77 mila euro e ristabilirà «la piena funzionalità del sistema paziente-infermiere in tutti i 22 moduli di degenza presenti in Torre 6, compresi i moduli di Day surgery e day hospital, indispensabile per garantire la sicurezza delle comunicazioni tra degenti e personale sanitario", ha scritto nella delibera l'azienda ospedaliera. Anche perché i 3 sistemi con tecnologia wireless impiantati provvisoriamente, considerato che "l'installazione non richiedeva opere murarie e impiantistiche, non ha risolto le problematiche dei restanti 19 moduli di degenza impattati dal guasto». La denuncia Dal 21 maggio nonostante le richieste nulla è statofatto. Così per 319 ricoverati chiamare il personale sanitario è impossibile Nuovo impianto Costerà 77mila euro. I lavori di sostituzione dell'intero sistema dovrebbero durare al massimo tre settimane, assicura l'azienda

Foto: Il guasto, segnalato da tempo, non viene riparato


Foto: Tor Vergata L'esterno del Policlinico