scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/02/2021

Cambio dei lampioni per risparmiare energia elettrica

L'Arena di Verona

MOZZECANE. Gara d'appalto in fase conclusiva
Il piano di illuminazione pubblica prevede 1.300 nuovi punti luce
Il Picil, piano per l'illuminazione ed il contenimento dell'inquinamento luminoso, torna tra le priorità dell'agenda dell'amministrazione di Mozzecane. Poco prima di Natale è stato pubblicato il bando per la sostituzione e gestione dell'illuminazione pubblica, finalizzata all'efficientamento energetico, procedura già avviata e ritardata dall'emergenza sanitaria. L'iter del piano è infatti iniziato in consiglio comunale nel 2018. L'anno successivo si era proceduto alla raccolta delle manifestazioni d'interesse da parte di tre ditte private che sarebbero intervenute con la formula della finanza di progetto. Dopo una meticolosa istruttoria, la Giunta aveva selezionato la proposta di Hera Luce Srl di Forlì-Cesena e poi approvato il progetto di fattibilità. «A questo punto eravamo pronti per la redazione del bando di gara che, secondo le disposizioni di legge in tema di appalti pubblici, è aperto a tutte le società del settore con diritto di prelazione a favore del proponente selezionato», ripercorre il sindaco, Mauro Martelli. «Poi il Covid-19 ha rallentato il tutto. Ora il bando è pubblicato e aspettiamo l'arrivo delle proposte, che saranno valutate da una commissione composta da funzionari interni ed esterni alla pianta organica del Comune».Il bando, che scade il primo di marzo, prevede la sostituzione di circa 1.300 punti luce pubblici su tutto il territorio Comunale, delle reti elettriche obsolete, l'adeguamento delle centraline, la fornitura di energia e la manutenzione secondo quanto fissato nello schema di convenzione redatta dal Comune. La concessione avrà validità ventennale e si stima come base di gara il costo storico di fornitura energetica e manutenzione, con l'aggiunta delle quote di ammortamento dell'investimento infrastrutturale iniziale, che ammonta ad oltre un milione di euro. Il piano finanziario è di circa 3,7milioni di euro. «Aspettiamo l'esito della gara (apertura delle buste l'8 marzo, ndr). Dalle analisi, il risparmio dovrebbe assorbire la quasi totalità di spese per l'investimento», dice il sindaco Martelli.