scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/05/2021

«Caccia ai fondi, ma nel piano delle opere pubbliche la scuola non c’è»

QN - Il Resto del Carlino

La realizzazione della scuola IV Marine subordinata all'ottenimento di fondi ministeriali, «ma una delle restrizioni del bando, che scade il 21 maggio, è la presenza del progetto nel piano triennale delle opere pubbliche e in quello 2021-2023 questa scuola non c'è». A porre la questione è Dimitri Papiri di Kleos, nella foto. Il progetto dell'opera è del marzo 2015. Per sei anni resta nei cassetti, adesso riesumato per tentare la scalata ai finanziamenti ministeriali sull'edilizia scolastica, però non figura nella programmazione degli interventi da realizzare nella zona nord, tanto che la giunta è costretta a scrivere negli atti propedeutici alla partecipazione al bando che «si provvede a integrare il programma triennale delle opere pubbliche, elenco 2021 approvato il 30 marzo, alle sopravvenute esigenze». «L'11 maggio - sottolinea Papiri - esce la delibera del progetto definitivo di una scuola da finanziare con partecipazione a un bando ministeriale che scade il 21 maggio. Costo 995.000 euro, 17.000 di incentivi ai progettisti dell'ufficio tecnico. Chiara la fretta per provare a farlo finanziare dallo Stato con un bando che scade dopo una settimana ma progetto preliminare, logistica e localizzazione sicuramente sono conosciuti e assodati». Ma, per Papiri un dettaglio sorprende: «Una delle prescrizioni è la presenza del progetto nel piano triennale delle opere pubbliche. Strano, perché questo piano contiene 35 milioni di opere pubbliche da realizzare a Civitanova, che sommandosi a quelle già finanziate arrivano a 42 milioni, che grazie alla riprogrammazione sfioreranno il valore record di 50 milioni di euro. Si realizzano mediamente 4 milioni di euro scarsi di opere pubbliche l'anno in città, ma nel 2021 l'amministrazione ne ha previsti 50, però, nel piano approvato a fine marzo la scuola, l'unica che serviva, non c'è. Alla faccia delle programmazione». A questo punto per l'esponente di Kleos si apre un problema: «Per partecipare al bando, occorre inserire la scuola nel piano 2021 modificandolo, e per farlo, serve una delibera di giunta, un consiglio comunale e forse un tempo obbligatorio di pubblicazione sul sito istituzionale. Come si fa?» Il progetto della scuola del quartiere IV Marine venne deliberato sei anni fa con atto del 30 marzo del 2015 con l'obiettivo di realizzare una materna nel rione nord della città e decongestionare così le altre scuole, che assorbivano i bambini del quartiere. Per sei anni, però, non se n'è fatto più nulla fino a pochi giorni fa, quando il progetto è stato tirato fuori dal cassetto per tentare di accedere ai fondi che lo Stato mette a disposizione degli enti locali per strutture scolastiche. Lorena Cellini