scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
16/02/2021

Bypass di Padiglione, c’è il nuovo step Affidato l’appalto del secondo stralcio

Corriere Adriatico

Erano in lizza 376 aziende di tutta Italia. Via al cantiere a maggio, chiusura prevista a Natale
I LAVORI
OSIMO All'appalto per il secondo stralcio del bypass di Padiglione hanno partecipato addirittura 376 aziende, provenienti da tutta Italia. Alla fine la commissione aggiudicatrice della stazione unica appaltante della Provincia di Ancona ha assegnato i lavori alla Cenacolo Costruzioni Generali Scarl di Aversa, in provincia di Caserta, ritenendo che la sua fosse la migliore offerta non anomala.
Il ribasso
Rispetto ai 970mila euro a base d'asta previsti dal Comune per fare la bretella, l'azienda casertana ha avanzato un ribasso del 26,49% e quindi incasserà in definitiva circa 720mila euro. Per il momento l'avanzo d'asta non verrà impegnato dal Comune in altri interventi, perché in opere pubbliche del genere, come la realizzazione di una nuova strada, potrebbero sempre uscire fuori degli imprevisti in corso. «Ora spiega il sindaco Pugnaloni- occorrono circa due mesi per tutte le verifiche prima di giungere alla sottoscrizione del contratto e dare il via ai lavori verso maggio, conclusione cantiere per Natale. Un altro tassello importante per la variante a nord e per eliminare il traffico pesante dall'incrocio di Padiglione». Il primo tratto del bypass, quello che dalla rotatoria di via Montefanese vicino al parco commerciale La Coccinella arriva a via Jesi attraverso una via Linguetta allargata, fu inaugurato il 30 novembre 2019. Di lì a qualche settimana era atteso l'appalto per i lavori del secondo tratto. Ma ritardi si sono registrati negli espropri e per le prescrizioni giunte dalla Provincia, con la richiesta come per via Linguetta di un tombinamento unico per il deflusso sicuro delle acque. Così si sono allungati i tempi di consegna del progetto affidato ad un ingegnere esterno sulla scorta di una bozza elaborata tra 2012 e 2013 durante il mandato Simoncini. Fu la sua amministrazione infatti ad avviare i lavori per il primo stralcio del by-pass vicino alla rotatoria di via Montefanese a carico della Cosmo, come opera di miglioria nella realizzazione del parco La Coccinella. Lavori però arenati subito per il concordato preventivo della ditta. Da lì altro tempo perso per il rientro in possesso dell'area da parte del Comune e la polizza fidejussoria inutilizzabile, con l'amministrazione Pugnaloni, subentrata nel 2014, che ha completato l'incompiuta con fondi comunali solo tra 2018 e 2019. E con altri fondi comunali viene fatto ora il secondo stralcio del by-pass, che dalla rotatoria di via Jesi inaugurata un anno fa porterà al ponte sul Musone di via Montefanese, vicino al Mc Neil. Con l'apertura di questa strada che sarà lunga 450 metri e il bypass completato, il Comune potrà cambiare viabilità a Padiglione, come da anni attendono i residenti.
La viabilità
In linea teorica, all'incrocio semaforico non sarà più possibile svoltare a destra per chi scende da Osimo e neanche svoltare a sinistra arrivando da Passatempo: si dovrà usare la nuova bretella. Potrebbe raggiungere il semaforo quindi solo chi dovrà dirigersi a Campocavallo. In merito all'aggiudicazione dei lavori, il Pd parla di «buona notizia per Osimo grazie al lavoro del sindaco Pugnaloni, dell'assessore Cardinali, dell'ingegner Vagnozzi e della Provincia».
Giacomo Quattrini
© RIPRODUZIONE RISERVATA