scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/06/2021

Bus scolastici, «gestione pilotata»

La Gazzetta Del Mezzogiorno

BANDI NEL MIRINO INCHIESTA «AMICI IN COMUNE»
Il lucano Rocco finisce nell ' indagine che ha portato all ' arresto del sindaco di Praia
l Si sono conclusi gli interrogatori di garanzia per gli indagati dell ' inchiesta calabrese ribattez zata «Amici in comune» che nei giorni scorsi ha portato il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò, e un dirigente comunale agli arresti domiciliari. Gli indagati si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, tranne il dirigente comunale che ha negato ogni addebito. L ' indagine della Procu ra di Paola, con al centro una decina tra gare d ' appalto e bandi che si sospetta truccati, tocca anche la Basilicata. Tra gli indagati, infatti, figura Domenico Rocco, gestore di un ' azienda di trasporti, che benchè nato a Tortora, in Calabria, è a tutti gli effetti lucano: il padre era di Lagonegro, dove si trovano gli uffici della sua azienda e dove vivono i suoi parenti. Secondo l ' accusa, Rocco (che nell ' interrogatorio di garanzia si è avvalso della facoltà di non rispondere) sarebbe stato agevolato nell ' assegnazione del bando per la gestione del servizio di trasporto scolastico, dal 2019 al 2022, per gli alunni della scuola primaria e secondaria. Assegnazione avvenuta in via definitiva il 17 dicembre del 2019 per un valore di circa 95 mila euro. A Rocco (salvato dall ' arresto perché il gip di Paola, Rosamaria Mesiti, ha respinto la richiesta presentata dalla Procura ritenendo sufficiente la misura del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per un anno) viene contestata l ' ipotesi di reato di turbativa d ' asta, in con corso con i dirigenti comunali Antonio Giovanni Argirò (l ' unico indagato che ha risposto alle domande del gip, respingendo le accuse) e Rosa Grisolia. Da un ' in tercettazione ambientale emerge che Rocco, il 16 agosto del 2019, si trova a discutere del bando proprio negli uffici di Argirò (responsabile della centrale unica di committenza di Praia, Diamante e Belvedere Marittimo), alla presenza anche della Grisolia, dirigente dell ' ufficio amministrativo del comune di Praia (sospesa dal gip per un anno). Prima ancora che la gara fosse pubblicata all ' al bo pretorio del Comune, Argirò rassicura l ' imprenditore che sarà lui ad aggiudicarsela, come si evincerebbe dai seguenti dialoghi intercettati quel giorno. Argirò Giovanni Antonio: no ... mi dovete portare la manifestazio ne di interesse per verificare. Rocco Domenico: ma prima o dopo che ati fattu u bandu? Argirò Giovanni Antonio: no ... io faccio la manifestazione di in teresse Rocco Domenico: di interesse Argirò Giovanni Antonio: e voi rispondete ... dici: " sinti a mia mi interessa che ci vugliu fa chissu, chissu e chissu ' , mi seguisi a mia? Dopodichè in base alle proposte che arrivano ... Rocco Domenico: A ta fà na va lutazione ... ? Argirò Giovanni Antonio: La tua è la meglio!... Io fazzu u bandu in base ... di gara ... alla proposta, hai capitu? In base all ' attività che facimu ca! ... Secondo il gip, dunque, il bando sarebbe stato disegnato ad arte per far vincere la «Rocco» e questo troverebbe ulteriore conferma nel fatto che all ' imprenditore sarebbero stati rivelati anticipatamente i dettagli del bando stesso, con particolare riguardo alle modalità con cui il prezzo a base d ' asta era stato calcolato, cioè sul la base del chilometraggio: " A chilometri amu fattu " , dice Ar girò a Rocco che, a sua volta, gli aveva chiesto: " Stu bandu cumu è? " Il funzionario, poi, fa addirit tura leggere il bando all ' impren ditore ( "... te, vieni qua, leggiti lu ..." ), il quale propone una mo difica a suo vantaggio in relazione al percorso da fare con lo scuolabus, escludendo la località Laccata perché troppo fuori mano rispetto al centro urbano e dunque più dispendiosa da raggiungere sia in termini economici che di tempo, come emerge da quest ' al tro colloquio intercettato sempre il 16 agosto 2019 nell ' ufficio di Ar girò. [ma.bra.]

Foto: ACCUSA Interrogatori di garanzia. All ' imprenditore originario di Lagonegro viene contestato il reato di turbativa d ' asta


Foto: MAGISTRATURA Echi in Basilicata dell ' operazione condotta dalla Procura di Paola che ipotizza gare d ' appalto «truccate»