scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
25/03/2021

Buoni spesa alimentari scade il 30 marzo il bando del Comune

Il Tirreno - Annalisa Mastellone

Può fare richiesta chi ha subìto perdite di reddito per il Covid Fossi: «Aumentano le persone che chiedono un aiuto» campiglia Buoni spesa alimentari scade il 30 marzo il bando del Comune Può fare richiesta chi ha subìto perdite di reddito per il Covid Fossi: «Aumentano le persone che chiedono un aiuto» campiglia
campiglia. Nuovo bando del Comune di Campiglia Marittima per la distribuzione di buoni alimentari da destinare a residenti in difficoltà economica a causa delle restrizioni per il contenimento dell'emergenza sanitaria da Covid-19. C'è tempo fino a martedì 30 marzo alle ore 13 per presentare la domanda agli uffuci comunali.I requisiti per l'ammissione prevedono che possono fare richiesta i nuclei familiari con Isee 2021 inferiore a 6.500 euro oppure a 20mila euro, nei quali almeno uno dei componenti si trova in una delle seguenti condizioni a seguito della crisi provocata dalla pandemia da Coronavirus: ha perso il lavoro, ha sospeso per più mesi o chiuso l'attività, ha lavori intermittenti resi critici dalle attuali oscillazioni del mercato, ha subito sostanziali riduzioni del reddito per forzata riduzione dell'orario di lavoro o del fatturato per cause indipendenti dalla sua volontà. Si tratta di criteri che individuano i beneficiari più esposti agli effetti economici derivanti dall'emergenza Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno. I prodotti acquistabili con i buoni spesa sono prodotti alimentari di prima necessità, come pane, pasta, pomodoro, latte, carne, pesce, comprese le bevande ma sono esclusi gli alcolici e i superalcolici. Il bando, il modulo di autodichiarazione valevole come domanda e il materiale per i commercianti che vogliano convenzionarsi con il Comune per accettare i buoni, sono scaricabili sul portale dell'ente www.comune.campigliamarittima.li.it dalla sezione "Notizie 2021". Per informazioni telefonare all'ufficio Sicurezza sociale allo 0565 839264, oppure cambiando le tre cifre finali con 206.«Di fronte a un bisogno sempre crescente e all'alternarsi delle diverse ondate Covid che impongono forti riduzioni degli orari di lavoro - dice l'assessora alle Politiche sociali Elena Fossi -, è necessario assumere importanti decisioni. Una tra queste è stata quella di effettuare una nuova distribuzione di buoni alimentari prima di Pasqua al fine di consentire a molte famiglie di respirare un'aria di normalità in un periodo che di normale non ha davvero nulla. Purtroppo, le richieste di aiuto aumentano di giorno in giorno e le nostre strutture, Società della salute e associazioni di volontariato sono prese letteralmente d'assalto. Allo studio della Società della salute, che ha costituito un tavolo tecnico, ci sono nuove e ulteriori misure di sostegno. Nell'attesa abbiamo ritenuto giusto riaprire il bando che è coperto con risorse statali del governo Conte». --Annalisa Mastellone© RIPRODUZIONE RISERVATA