scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
17/04/2021

BREVI

ItaliaOggi

Cassa dottori commercialisti amplia l'offerta di convenzioni per i propri iscritti grazie alla nuova opportunità di cedere i crediti d'imposta ottenuti per interventi di riqualifi cazione e ristrutturazione edilizia derivanti dalle agevolazioni previste dal superbonus, dall'ecobonus e dal sismabonus e altri bonus edilizi, sulla base di quanto previsto dal decreto Rilancio (dl 34/2020). Grazie all'integrazione della convenzione già in essere con la Banca Popolare di Sondrio sarà possibile per i dottori commercialisti iscritti all'ente richiedere all'istituto bancario la cessione del credito d'imposta sia per interventi di ristrutturazione e riqualifi cazione edilizia realizzati per proprio conto a titolo personale, che per fatture emesse a fronte di prestazioni professionali rese e regolate con sconto in fattura. Il personale giudiziario italiano rivendica lo stesso trattamento applicato ad altri dipendenti dello Stato. Il contratto pubblico, infatti, non è lo stesso per tutti ma esistono categorie, come magistrati, avvocati dello Stato, diplomatici, professori universitari, militari e polizia, per le quali continuano ad applicarsi regole speciali, tra cui la progressione retributiva in rapporto all'anzianità di servizio. Ora, a ritenersi titolari di analogo status giuridico, distintivo rispetto agli altri dipendenti, sono anche coloro che operano nelle cancellerie giudiziarie. «Il Tribunale di Roma», rendono noto gli avvocati Egidio Lizza e Flavio Maria Polito che assistono in giudizio una nutrita rappresentanza di questi lavoratori, «ha ritenuto che la loro caratterizzazione professionale meriti il vaglio della Consulta, affi nché sia stabilito, date le funzioni svolte, se debbano loro applicarsi le regole comuni o quelle relative al pubblico impiego non privatizzato». «Malgrado i ripetuti interventi governativi che hanno scandito le varie 'ondate' del contagio nei mesi scorsi con ben 9 decreti e 5 scostamenti di bilancio (l'ultimo autorizzato dal Parlamento lo scorso 26 novembre), più le misure inserite nella legge di bilancio, il contesto economico, sociale e sanitario del nostro Paese continua ad essere drammatico. I provvedimenti emergenziali come il decreto Sostegni dovrebbero essere adottati in una prospettiva di superamento dell'emergenza e fornire contributi al raggiungimento di obiettivi più strutturali quali la ripresa delle attività in totale sicurezza. Manca ancora una visione a medio-lungo termine». Ad affermarlo è il presidente del Cnel Tiziano Treu, in occasione del deposito al senato del documento di osservazioni e proposte del Cnel sul dl Sostegni. Codice appalti, sì a semplifi cazione no a sospensione. L'orientamento arriva da Paolo Salza, presidente di Conforma, l'associazione italiana degli organismi di certifi cazione e di ispezione e dei laboratori di prova e taratura: « I fondi messi a disposizione nell'ambito di Next Generation Eu rappresentano un'occasione storica per effettuare investimenti per la realizzazione di nuove infrastrutture e la riqualifi cazione e ammodernamento di quelle esistenti. Per questo è necessario intervenire al più presto sulla catena dei permessi e sulla regolamentazione dei contratti pubblici e delle gare d'appalto, semplifi cando in modo mirato e non sospendendo il Codice degli Appalti, di cui vanno preservati i benefi ci effetti di contrasto alla corruzione». Di nuovo su le gare pubbliche di progettazione. Secondo i dati dell'Osservatorio Oice/ Informatel, nel primo trimestre 2021 sono in crescita sul 2020: 1.134 bandi con un valore di 213,8 milioni di euro, +11,1% in numero e +32,7% in valore sull'analogo periodo del 2020. Solo a marzo nel mercato delle gare per progettazione sono state pubblicate 493 gare, per 82,9 milioni di euro; rispetto a febbraio +33,2 in numero ma -0,5% in valore. © Riproduzione riservata