scarica l'app
MENU
Chiudi
18/10/2018

Bretella di Girola: c’è il bando per i lavori

QN - Il Resto del Carlino

di ANGELICA MALVATANI STAVOLTA pare davvero la volta buona. È stato pubblicato ieri il bando per l'affidamento dei lavori della bretella di Molini Girola, una strada alternativa a quella attuale, dalla rotatoria a valle della variante del ferro, fino all'incrocio del palazzo dei produttori, dove verrà sistemata una seconda rotatoria, anche questa molto attesa. È un progetto che pareva già in via di realizzazione nel 2010, tanti gli intoppi burocratici e le difficoltà, e oggi la Provincia tira un sospiro di sollievo e guarda al futuro con fiducia. Il nuovo tracciato bypassa l'abitato di Molini e con un collegamento stradale a due corsie implementabile a quattro, arriva direttamente all'incrocio del palazzo dei produttori, dopo una rotatoria intermedia e un chilometro e 600 metri di tracciato. Costo del progetto 4 milioni e 900mila euro, tutto finanziato con fondi regionali ex Anas. La presidente, Moira Canigola, con il tecnico Stefano Massetani e con la Stazione unica appaltante dei funzionari Marinangeli e Conoscenti, spiega che i cambiamenti che ci sono stati nel corso degli anni hanno portato ai ritardi di oggi: «Nel 2011 c'è stata la valutazione di impatto ambientale che è durata due anni, poi la variante urbanistica in comune, nell'aprile 2016 era pronto l'appalto ma è stato tutto rimesso in discussione per il nuovo codice degli appalti e poi perché quella strada è passata di competenza Anas. E' stata necessaria una nuova convenzione per utilizzare i soldi. Oggi c'è il progetto esecutivo e con molta soddisfazione annunciamo che è stato pubblicato il bando per la messa a gara per assegnazione dei lavori di realizzazione di questa bretella molto importante per il territorio e per i comuni che si trovano a transitare in quella zona. Era uno degli obiettivi che il mio consiglio si era posto fin dal suo insediamento, insieme alla circonvallazione di Amandola». C'È TEMPO fino all'8 novembre per presentare la propria candidatura, vale l'offerta economica ma anche i miglioramenti che saranno proposti sul progetto, ad esempio sui materiali di costruzione, e anche i tempi di realizzazione che sono stati fissati per un minimo di 810 giorni e massimo 900. Per gennaio si spera nell'avvio dei lavori. Pr il consigliere Aronne Perugini finalmente si mette fine a questa lungaggine: «Questo risultato dimostra che nonostante le difficoltà questo ente riesce a dare risposte. Siamo pronti ad andare oltre, a collegare l'opera con il nuovo ospedale, speriamo che qualcuno ci metta i soldi per avere davvero un'opera completa». Per il consigliere fermano Pierluigi Malvatani oggi l'emergenza è anche la Lungotenna, per collegare il casello di Porto Sant'Elpidio con l'entroterra, verso l'ospedale e verso la Mezzina, per avere davvero un territorio accessibile, che possa credere nel suo sviluppo: «Come rappresentante del Comune di Fermo in Provincia - spiega - mi sono fortemente speso perché questa bretella si realizzasse, è davvero il primo passo per la rinascita di un territorio che merita un'attenzione particolare». © RIPRODUZIONE RISERVATA RISULTATO

«Questo risultato dimostra che nonostante le difficoltà questo ente riesce a dare risposte Siamo pronti ad andare oltre, a collegare l'opera con il nuovo ospedale, speriamo che qualcuno ci metta i soldi»