scarica l'app
MENU
Chiudi
30/06/2019

Borgo medievale, il bando è da rifare

Corriere della Sera - Paolo Morelli

Il caso
Per un errore nella procedura slitta di due mesi l'assegnazione dei servizi
Tutto da rifare per il Borgo Medievale di Torino, che attendeva l'assegnazione dei servizi di visita, biglietteria, didattica e ufficio informazioni. E che, invece, dovrà rimandare tutto. C'è stato, infatti, un problema formale alla chiusura del bando, perché le buste con le due offerte arrivate per la gestione (una è dell'attuale gestore, Theatrum Sabaudiae) non sono state aperte in seduta pubblica.

«Si tratta di un errore banale - commenta Stefano Benedetto, dirigente dell'area cultura del Comune - ma che la giurisprudenza è concorde nel considerare motivo di annullamento. La gara, comunque, si era svolta a nostro avviso in maniera regolare».


Ora il bando dovrà quindi essere riscritto e modificato, per non avvantaggiare i due soggetti che hanno già partecipato, e sarà lanciato nuovamente a breve. Resta da decidere se indicare come termine il 31 luglio o i primi di settembre, per non mettere in difficoltà le imprese che, d'estate, sospendono le loro attività. Resterà, però, la gestione delle visite e delle attività didattiche, che costituiscono il «nocciolo fondamentale» del bando.


Intanto, per ovviare al ritardo, la concessione a Theatrum Sabaudiae è stata prorogata fino a fine ottobre. L'errore formale ha portato a un ritardo di circa due mesi sulla tabella di marcia. Nel frattempo è in corso un lavoro del Politecnico, che sarà consegnato a breve, con il quale si potrà effettuare una valutazione economica del funzionamento del Borgo. Questo servirà per individuare le forme di gestione più efficienti per il futuro. Si attendono dalla Regione Piemonte, poi, 2 milioni di euro di fondi Cipe che, sommati agli 800 mila euro già stanziati dal Comune, consentiranno di provvedere ai lavori di manutenzione straordinaria più urgenti. «Sono prioritari - spiega Benedetto - gli interventi sui tetti e su alcuni edifici lungo la passeggiata del Po, al momento non utilizzabili, così come alla palizzata esterna e a una parte dell'impiantistica». Il Borgo, però, resta vivo. Oltre alle visite alla Rocca, infatti, c'è la caffetteria, concessa in gestione dall'8 dicembre dello scorso per 18 mesi, con un appalto che include la possibilità di organizzare manifestazioni culturali. Così è nato Contaminazioni Festival, che parte stasera con un concerto di Oscar Doglio Sanchez e Ruben Zambon (21.30). Gli eventi proseguiranno fino al 14 luglio e ci saranno altre iniziative per «L'estate intorno», come «Maghi, incantesimi, illusioni. Il Borgo della magia», dal 18 luglio al 4 agosto. «Siamo contenti, incontreremo il Comune per parlare di Contaminazioni, affinché diventi un festival importante - commenta Loris Passarella, gestore della caffetteria -. Se poi, come in passato, ci fossero ancora le barche il Borgo sarebbe molto più vivo, manca ancora quel pezzo lì».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

La vicenda

Il Comune
ha messo
a bando
i servizi
di visita, biglietteria, didattica
e ufficio informazioni del Borgo Medievale

Per errore
le buste
non sono state aperte
in seduta pubblica, quindi la procedura
è da rifare


Foto:

Sul fiume Un'immagine del Borgo medievale costruito nel 1884


Foto:

Leggi
e commenta
gli articoli
dei nostri giornalisti
sul sito
internet torino.corriere.it