scarica l'app
MENU
Chiudi
05/08/2020

Boom di richieste di contributi Gal per il bando dedicato al turismo

La Stampa - A. MAN.

Il Gruppo di azione locale formato dai Comuni ha messo a disposizione un milione 400 mila euro Presentati 44 progetti da parte di privati e microimprese, ma non sarà possibile finanziarli tutti IL CASO
Quarantaquattro progetti per creare un'attività o migliorarne una esistente nel settore turistico, per il rilancio socioeconomico del territorio, per progettare nuovi servizi o attività ricreative legate alla natura, alle tradizioni e alla cultura locali e realizzare nuove strutture micro-ricettive. Il bando del Gal, il Gruppo di azione locale che raggruppa 73 Comuni della Valle d'Aosta, ha «riscosso un notevole interesse» con un numero superiore alle attese di domande presentate. Lo dice Alessandro Giovenzi, presidente del Gal e sindaco di Verrès. Il bando si chiama «Investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività non agricole», è stato pubblicato lo scorso venerdì 21 febbraio ed è scaduto in questi giorni. Ribattezzato «Fai Gal-oppare la tua impresa!», prevede la possibilità di ottenere un finanziamento a fondo perso pari al 50 per cento del preventivo di spesa. Hanno risposto sia privati, sia microimprese. Il 70 per cento delle domande è stato consegnato da giovani sotto i 40 anni o da privati che avvieranno la loro attività in forma imprenditoriale in caso di ottenimento del contributo: per gli «under 40» l'opportunità era doppia, perché sarà riconosciuto loro un punteggio aggiuntivo nella formazione delle graduatorie. Il bando ha a disposizione un milione 400 mila euro provenienti dal Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione. Considerato il numero di domande, non sarà possibile coprirle tutte. La commissione di valutazione avvierà i lavori a ottobre e le graduatorie dei progetti ammessi saranno pubblicate entro la fine dell'anno. Un altro bando della programmazione del Gal per «Attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali» con finanziamenti a fondo perduto del 70 per cento è ancora aperto e ha scadenza mercoledì 7 ottobre.