scarica l'app
MENU
Chiudi
22/05/2020

Bonafede, altro bluff di Renzi: niente crisi, la sfiducia è bocciata *

Il Fatto Quotidiano - LUCA DE CAROLIS E WANDA MARRA

IL GOVERNO Ritirata Italia Viva non vota le proposte di Lega-FI e Più Europa: il ministro 5S della Giustizia va avanti
Quello di Renzi era proprio ciò che sembrava, un bluff. Così Bonafede è salvo, il governo incolume e il fu rottamatore che non ha vibrato il colpo si atteggia a vincitore, anche per giustificare il passo indietro. Perché è bastato poco per scongiurare il voto di Italia Viva a favore delle mozioni di sfiducia per il ministro della Giustizia in Senato. È stato sufficiente un pugno di parole, scandite in Aula dal Guardasigilli del M5S: " Sulla riforma della prescrizione, così come su tutto l ' andamento dei tempi del processo, sarà importante istituire una commissione ministeriale di approfondimento e monitoraggio che permetta di valutare l ' ef ficacia della riforma sia del nuovo processo penale, sia del nuovo processo civile " . Nulla di esplosivo e neppure di inedito, ma è stato comunque il segnale sulla giustizia che Renzi pretendeva per alzare una bandierina e non dover votare le mozioni di sfiducia di Lega e +Europa. Una strada senza ritorno che l ' ex premier non voleva imboccare, nonostante settimane di minacce. COSÌ LA SFIDUCIA non è passata, e l ' esecutivo esce dalle votazioni a Palazzo Madama rafforzato, con i Cinque Stelle che subito dopo il voto fanno la fila in sala governo per abbracciare Bonafede e il Pd sollevato. Ma esulta anche Italia Viva, perché il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha voluto vedere il bluff del capo e qualcosa al tavolo gli ha concesso. Quindi si lavorerà allo sblocca-cantieri tanto invocato da Iv, come conferma anche Luigi Di Maio in serata: " Bisogna superare il codice degli appalti per evitare lungaggini inutili " . E arriveranno due o tre presidenze di commissione per i renziani, che puntano a Luigi Marattin alla guida della Bilancio a Montecitorio. Il resto lo fa Bonafede, che dopo aver contestato pezzo per pezzo le due mozioni ( " opposte tra loro " ricorda) in Aula promette una " sin tesi " e un " confronto con tutte le forze politiche di maggioranza, costante e approfondito " . A guardarlo c ' è anche il premier, sui banchi del governo per dare un segnale di compattezza. Lontano dai Palazzi invece c ' è Beppe Grillo, che a seduta in corso già canzona Renzi, citando una poesia di Trilussa su un cane lupo che al cancello di una villa passava tutta la notte ad abbaiare " pe ' nun perde ' il posto " , tanto il nemico " non c ' è mica bisogno che ce sia " . La commissione sulla giustizia invece ci sarà, ma fonti di via Arenula fanno notare dettagli e tempi: " Della commissione avevamo parlato già a inizio anno, più volte, ma questa sarà ministeriale, cioè composta da funzionari " . Tradotto, non solo non è una novità. Ma il nuovo organismo sarà anche di minore impatto rispetto a quello che lo stesso Bonafede aveva ventilato al Pd in un vertice di governo dello scorso febbraio, quando promise una commissione di esperti, avvocati e accademici, che valutasse gli effetti della riforma della prescrizione entrata in Lo sberleffo di Grillo Il fondatore del M5S cita una poesia di Trilussa sul cane che abbaiava " per non perdere il posto " vigore a inizio anno. E se Iv insistesse per far entrare nella commissione il presidente dell ' Unione delle Camere penali, Gian Domenico Caiazza? " Se lo dovessero chiedere si vedrà, non ci sono preclusioni " è la risposta. Ma persino l ' opportunità di inserire Caiazza era già stata fatta notare a Bonafede dai dem nei tavoli di maggioranza sulla giustizia. Anche per questo, quando si alza in piedi per il suo intervento dopo la replica di Bonafede, Renzi sa che deve fare i salti mortali per motivare i suoi no. " L ' intervento tra i più difficili della mia esperienza " , l ' aveva definito su Facebook di prima mattina. Look " giovane " e tono dei meno veementi, è tutto un equilibrismo. " Ri conosco a Conte di aver dato segnali importanti, sull'Irap, con la battaglia al fianco della Bellanova, con la accelerazione sulle riaperture. E tuttavia ancora molto è da fare " . ECCOLO QUI il passaggio chiave. Un modo per rivendicare vittorie e per chiarire che non è comunque finita qui. Nel classico stile che nega per affermare proclama: " Non ci interessa un sottosegretario ma sbloccare i cantieri. Quando portiamo delle idee non stiamo cercando visibilità " . Nei Palazzi, si dice anche che l ' ex premier avrebbe ottenuto promesse per posti di sottogoverno. Si vedrà. Perché l ' unica cosa certa è che Iv ha dimostrato di poter tenere il suo governo sulla graticola per giorni. " Conte sta in piedi grazie a noi " , dice in serata. L ' altra faccia della medaglia è che non ha un piano B degno di questo nome. Non a caso un paio di leghisti di prima fila ieri scuotevano la testa, sconsolati. Il Matteo di Firenze per ora ha abbandonato il suo omonimo Salvini al suo destino. Invece il segretario del Pd Nicola Zingaretti esprime soddisfazione per la compattezza del gruppo. In realtà, quello che i dem hanno voluto fare ieri è stato schierare in Aula due esponenti della maggioranza, come Franco Mirabelli, fedelissimo di Dario Franceschini, che ha difeso il ministro, ma ha chiesto " discontinuità " con i gialloverdi e Anna Rossomando. Meglio evitare interventi fuori linea, come quelli del capogruppo, Andrea Marcucci. © RIPRODUZIONE RISERVATA I punti 1 eri in Senato si è votato su due mozioni di sfiducia per il ministro della Giustizia Bonafede 2 a mozione della Lega è stata respinta con 160 no e 131 sì, quella di Più Europa è stata bocciata con 158 no e 124 sì 3 l governo ha tenuto, considerando che la maggioranza assoluta è a quota 161 voti. Un caso nel M5S, con la senatrice Drago che si è astenuta Sulla riforma del l a presc rizione e sui tempi del processo i s t i t u i re m o una co m m i s s i o n e m i n i s te r i ale per approfondire ALFONSO BONAFEDE

Foto: Minacce a vuoto Fallito l ' a s s a lto al ministro Alfonso Bonafede, in carica dal 2018 in quota 5 Stelle Ansa