MENU
Chiudi
31/10/2018

Bocciato di nuovo il bando per la rimozione auto

Il Tempo

Il Tar ha accolto il ricorso presentato dalle società escluse: «Violate le regole del codice degli appalti»
• Il Tar boccia di nuovo la gara d'appalto per la rimozione delle auto in sosta vietata. Il ricorso era stato presentato dalle società escluse di fatto dal bando perché, anche se la gara mirava a dotare Roma di carroattrezzi anti sosta selvaggia, aveva come oggetto la creazione di una piattaforma web e in quanto tale si rivolgeva solo a società informatiche. Ma la gara, da oltre 11 milioni di euro, è stata dichiarata nulla. Secondo il Tribunale amministrativo del Lazio il bando prevedeva che una società con competenze nel settore dell'informatica e dell'organizzazione di piattaforme gestionali avesse anche il potere di scelta dei soggetti che avrebbero dovuto concretamente eseguire le attività di rimozione, deposito e restituzione dei veicoli. Per i giudici amministrativi, questo porterebbe a «un'evidente violazione dei principi e delle regole contenuti nel codice dei contratti pubblici funzionali a garantire la tutela della concorrenza, in particolare, della regola del necessario ricorso ad una gara per la loro individuazione, atteso che l'individuazione dei soggetti che devono svolgere le attività concrete è rimessa al soggetto affidatario dell'appalto».

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore