scarica l'app
MENU
Chiudi
23/06/2019

Bluebird non avrà contributi ma Blue Notte si farà lo stesso

Il Piccolo di Trieste - Alex Pessotto

Il direttore De Negro: «Non abbiamo ricevuto punteggi per le edizioni passate e il Tar ha respinto il nostro ricorso». Il programma sarà reso noto a breve la nona edizione della manifestazione
Alex PessottoIl programma potremo conoscerlo a breve. Perché anche se non c'è stato nulla da fare per ottenere il contributo regionale richiesto (40 mila euro), la nona edizione di Blue Notte si farà comunque. «Durante la fase di valutazione dei progetti non ci è stato riconosciuto il punteggio relativo alle edizioni pregresse del festival (la cosiddetta anzianità, ndr) - afferma Paolo De Negro, direttore dell'iniziativa -. Abbiamo quindi presentato ricorso al Tar che, tuttavia, l'ha respinto. La nostra associazione (la Bluebird), attraverso il ricorso, auspicava che venissero riconosciute le precedenti otto edizioni della kermesse. Ciò avrebbe permesso di ottenere il finanziamento. Nello scrivere il progetto, l'associazione aveva omesso erroneamente la compilazione di un campo che chiedeva di indicare il periodo di svolgimento delle edizioni pregresse; per contro il numero delle edizioni passate era stato indicato: mancava quindi l'indicazione del periodo di svolgimento, mentre altre informazioni non erano richieste dal bando. Ci si poteva pertanto aspettare che la Regione chiedesse un'integrazione e assegnare il punteggio previsto anziché darci zero punti». Di fatto, nemmeno il ricorso al Tar è servito a risolvere la questione e si può quindi immaginare l'amarezza di Del Negro e della Bluebird per la sentenza. Peraltro, negli anni scorsi, a realizzare Blue Notte non era la Bluebird, ma la cooperativa sociale Contea.«All'uscita dei bandi Cultura, nel novembre 2018 - dice ancora De Negro -, la cooperativa si era soffermata su un articolo dell'avviso che trattava dei requisiti di ammissibilità per la partecipazione al bando. Tale articolo stabiliva che "le società cooperative devono per statuto svolgere attività esclusivamente o prevalentemente culturali o artistiche, operanti nei settori del teatro, della musica o della danza o della prosa". La cooperativa aveva quindi chiesto delucidazioni alla Regione su cosa si intendesse per attività prevalente o esclusivamente culturale per avere un riscontro riguardo alla possibilità di partecipare al bando. Ebbene, «non sembra poter evincere che le attività svolte dalla cooperativa siano esclusivamente o prevalentemente culturali e artistiche come richiesto dall'avviso» aveva risposto la Regione. Pertanto, la cooperativa aveva deciso di non partecipare al bando, ma, per non far perdere a Blue Notte la continuità, si era pensato di partecipare come associazione culturale Bluebird. Ciò, tuttavia, ha penalizzato il festival per quanto riguarda il punteggio ottenibile (minor curriculum dell'associazione in termini di finanziamenti ricevuti in passato). All'uscita delle graduatorie, però, tra i soggetti ammessi e finanziati, abbiamo notato cooperative sociali con statuto del tutto affine a quello della cooperativa Contea. E si son visti, inoltre, soggetti ammessi che non hanno attività culturale prevalente». Delusioni su delusioni. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI