scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
15/05/2021

Bimbi senza scuolabus perchè costava troppo

Gazzetta del Sud

L' imprenditore ha cambiato il percorso
Il servizio di trasporto scolastico adattato alle esigenze della ditta
Mirella Molinaro C OSENZA Nienteservizioscuolabus peribimbi residenti in contrada Laccata,a Praia a Mare. Perché? Perchél' imprenditorea cuiè stato fatto vincere il bando ha poi deciso di «modificare» il percorso perché raggiungere quella contrada sarebbe stato per la sua ditta un dispendio di soldie di tempo. Quandoi finanzieri, nel corso delle indagini, scoprono questo particolare restano basiti, come ha evidenziato lo stesso comandante regionale della Guardia di Finanza, il generale Guido Mario Geremia che ha parlato poi di «una gestione allegrae spregiudicata della cosa pubblica perpetrata attraverso il ricorso ai" cartelli" di società». Infatti,è emblematica la conversazione captata dagli inquirenti nella qualel' imprenditore Domenico Rocco, titolare di una ditta di autobus, viene informato dal responsabile dell' Ufficio tecnico comunale di Praia, Giovanni Antonio Argirò che quel bando sarà cucito su di lui: «Io fazzuu bandu in base alla proposta... all' attività che facimu ca'. Hai capito?». All' imprenditore vengono riferiti in anticipoi dettagli della gara, dal prezzoa base d' asta al chilometraggio. Ma alcuni dettagli non lo convincono, come il fatto che il bus deve arrivare in contrada Laccata perché sarebbe stato svantaggioso per lui.E il bando sarà modificato. Anche le assunzionia Praia sarebbero avvenutea favore degli amici. Nelle carte dell' inchiestaè finita anchel' assunzionea tempo indeterminato di un operaio, nell' agosto del 2020. In questo caso- sempre secondol' accusa -, il sindaco di Praia Antonio Praticò, sette giorni prima della prova orale, avrebbe consegnato al padre di un candidato le domandee le risposte dell' esame affinché «affinché le imparassea memoria» avendo cura di strapparei fogli che gli erano stati consegnati proprio per «non lasciare traccia». Illuminante il commento, ieri, del generale Guido Geremia comandante regionale della Gdf: «Abbiamo scoperto un veroe proprio cartello dedito alla gestione degli appalti pubblici. Ci sono più soggetti che concorrono per l'aggiudicazione della singola gara. Si tratta di un confezionamento, quasi sartoriale, del bando sul contraente che deve vinceree gli altri concorrenti si prestanoa fare in modo che la cifra ricada sul contraente con co rdato».