scarica l'app
MENU
Chiudi
09/08/2019

Basilica, gara per l’allestimento «Sarà condiviso con le Belli Arti»

Corriere del Veneto

Espositori, bussole, luci e tende per le nuove mostre. Lavori da fine ottobre
Basilica Palladiana, in arrivo un bando da 163mila euro per nuove strutture espositive interne. Palazzo Trissino ha pubblicato l'avviso di un'indagine di mercato per affidare la realizzazione delle strutture espositive funzionali alla mostra «Anni Venti, una donna moderna. Lo sguardo di Ubaldo Oppi», in programma dal prossimo 6 dicembre al 13 aprile 2020. «Il nuovo allestimento servirà per le mostre in arrivo - spiega il sindaco Francesco Rucco - come prevede la normativa, questo avviso serve per vedere se ci sono realtà interessate alla realizzazione». L'avviso pubblicato nell'albo pretorio comunale dispone un'indagine di mercato descrivendo le caratteristiche principali dell'appalto, specificando che la fornitura avrà come luogo di esecuzione la Basilica Palladiana e che «ha per oggetto la realizzazione e fornitura di due bussole, setti espositivi, binari per supporti illuminotecnici e tende per il controllo della luce naturale». È inoltre previsto che l'installazione inizi a partire dal 28 ottobre e termini il 16 novembre. L'avviso riporta anche indicazioni sui requisiti di partecipazione: potranno presentare domanda solo soggetti che negli ultimi tre anni abbiano già fornito servizi equivalenti per circuiti museali, monumentali e ad altre pubbliche amministrazioni, senza cause di esclusione dalla partecipazione alle gare d'appalto secondo quanto prevede la normativa di settore. Il dispositivo vieta inoltre il ricorso al subappalto. «A questo avviso poi seguirà la gara vera e propria - specifica Rucco -. Il progetto, ovviamente, sarà interamente condiviso con la Soprintendenza alle Belle Arti». La precisazione del sindaco richiama un episodio di due anni fa, relativo a un'analoga installazione in Basilica. Nell'agosto 2017 infatti la Soprintendenza aveva fatto fermare l'installazione dell'allestimento della mostra «Van Gogh tra il grano e il cielo» chiedendo al Comune una serie di approfondimenti tecnici. Alla fine il via libera era stato concesso dopo una serie di modifiche migliorative: in particolare erano state eliminate delle coperture che avrebbero ostacolato la visione della volta, e gli ambienti multimediali erano stati ridotti da due ad uno. La mostra in arrivo a partire dal 6 dicembre celebrerà invece un pittore, Oppi, cresciuto a Vicenza e poi formatosi fra Vienna, Parigi e Venezia ottenendo un immediato successo negli anni Venti con ritratti di donne sempre più autonome, seduttive e moderne. L'esposizione è curata da Stefania Portinari, docente di storia dell'arte contemporanea all'università Ca' Foscari di Venezia. Nelle intenzioni del Comune, la mostra fa parte di un progetto di rilancio della Basilica, destinata a ospitare continuativamente esposizioni di rilevanza internazionale. Andrea Alba

Nel 2017

● Nell'agosto 2017 la Soprintendenza aveva fatto fermare l'allestimento della mostra «Van Gogh tra il grano e il cielo» chiedendo al Comune una serie di approfondime nti tecnici. Ora si vogliono evitare problemi

Il sindaco Rucco L'allestimento che stiamo cercando per la Basilica Palladiana servirà per tutte le prossime mostre, non solo quella di dicembre. A questo avviso poi seguirà la gara vera e propria