scarica l'app
MENU
Chiudi
28/06/2019

Bar cubano sul fiume ma per la concessione è battaglia legale

La Repubblica - Alessandro Di Maria

IL CASO
Il Comune ha assegnato a una società un locale per nove anni ma i concorrenti fanno un esposto alla Procura: "Anomalie sui tempi della presentazione della domanda. E nel bando si parlava di prodotti locali, ma saranno importati dall'Avana"
Ritmi caraibici con esposto alla procura della Repubblica. L'Habana 500, il locale estivo che inaugura oggi alle 18 sul Lungarno Pecori Giraldi, apre le sue porte a tinta cubana, ma è battaglia legale sull'assegnazione dello spazio dove sorge. Alla procura della Repubblica è arrivato un esposto della società Lungarno PG, una delle tre che ha partecipato al bando, secondo cui ci sarebbero delle anomalie. «Il 21 marzo 2018, sul sito del Comune viene annunciato un "bando per la gestione delle attività previste dall'accordo tra Regione e Comune per la concessione, relativa al periodo primaverile ed estivo, che avrà una durata di nove anni. Nell'assegnazione si terrà conto, tra l'altro, della qualità e consistenza dell'offerta culturale, sportiva e di intrattenimento, al numero degli eventi e alla loro gratuità, alla qualità degli allestimenti. La programmazione dello spazio dovrà essere realizzata principalmente di giorno e potranno essere previsti al massimo 12 eventi artistico-culturali e di spettacolo in orario notturno nell'intera stagione». La società Lungarno PG nell'esposto spiega: «In questa ottica abbiamo atteso, chiesto, sollecitato la pubblicazione del bando in tempi brevi. I mesi sono passati e a ogni nostra richiesta veniva risposto che ci stavano lavorando e che appena il bando fosse pronto ci avrebbero dato comunicazione. Siamo arrivati al 5 marzo 2019 quando abbiamo avuto notizia che il bando era uscito e che andava presentata la domanda di partecipazione entro il 26 marzo 2019. Solo 21 giorni per presentare una domanda che riguardava l'utilizzo di 10.497,27 mq, con tutta una serie di prescrizioni e con pochissime informazioni».
Ecco così le presunte anomalie e le domande individuate da Lungarno PG: «Perché solo 21 giorni invece dei 30 che rappresentano il periodo minimo secondo i termini di legge? Dopo aver aspettato mesi in silenzio viene presentato un bando molto complesso da preparare in tempi ridotti con molte richieste specifiche e con un numero di eventi molto più alto dei 12 prospettati nell'annuncio del marzo 2018». Altra domanda: «Perché c'era l'urgenza di chiudere il bando entro il 26 marzo se fino al 29 aprile in Comune e in Regione hanno continuato a dirci che ancora non avevano nominato la commissione giudicante?». E poi: «Nessuno può sostenere che un "bar cubano ricostruito sulle rive dell'Arno" sia pertinente con la richiesta del bando di "utilizzare e valorizzare prodotti di eccellenza locale/regionale con particolare attenzione a quelli provenienti dalla filiera corta alimentare". Paradossale è il fatto che nella proposta della SIT, società che si è aggiudicata il bando, viene specificato, a titolo di merito, che "tutti i prodotti saranno importati direttamente da Cuba per garantire i sapori e la sua genuinità"». Infine uno "strano accadimento": «Il gruppo SIT ha sicuramente, come tutti gli altri, avuto modo di vedere il bando solo il 5 marzo. È quindi con un certo stupore vedere che in data 18 febbraio l'ambasciatore cubano a Roma José Carlos Rodriguez Ruiz indirizza una lettera personale al Sindaco Dario Nardella con la quale manifesta l'interesse e il sostegno dell'Ambasciata Cubana a fornire tutto il supporto necessario alla realizzazione di uno spazio dedicato all'isola Cubana nel cuore della nostra città».

La lettera al sindaco

L'ambasciatore cubano José Carlos Rodriguez Ruiz il 18 febbraio 2019 invia una lettera personale a Nardella di sostegno a uno spazio dedicato a Cuba. Il bando esce il 5 marzo 2019

Foto: kHabana 500 Habana 500 è una delle grandi novità dell'estate fiorentina, in un luogo dove anni fa c'erano gli storici Teatro dell'Acqua e Lidò