MENU
Chiudi
25/10/2018

Bando periferie, sbloccati 18 milioni

Il Gazzettino

IL FINANZIAMENTO
PADOVA Da Rimini arrivano buone notizie: il premier Giuseppe Conte conferma lo scongelamento del Bando periferie. «Abbiamo provveduto a garantire un adeguato stanziamento per finanziare, con un miliardo e 600 mila euro il Bando periferie ha spiegato ieri mattina il presidente del consiglio, intervenendo all'assemblea nazionale dell'Anci al centro congressi della città romagnola . Lo stesso presidente Mattarella ha sottolineato la necessità di garantire la qualità della vita nelle periferie». «Come governo non siamo stati disattenti a questa problematica ha aggiunto -. Molto semplicemente abbiamo riformulato lo stanziamento e sono lieto dell'intesa che è stata raggiunta con i Comuni in conferenza unificata. Sulla questione mi ero impegnato con il presidente Decaro e con una delegazione di sindaci. Sulla legge precedente c'era stato un problema di costituzionalità, ma assieme abbiamo trovato una soluzione che prevede un primo stanziamento da 500 milioni di euro e un successivo finanziamento da 800 milioni».
Ad accogliere con soddisfazione le parole del premier è stato, naturalmente Giordani, presente in platea. «Conte è stato di parola e i sindaci sono stati bravi a far valere i loro diritti ha commentato nel primo pomeriggio il sindaco - Credo che, alla fine, abbia prevalso il buon senso. Diversamente il governo avrebbe rischiato di dover fare i conti con centinaia di ricorsi». «Ora si riparte con la messa in gara dei lavori ha aggiunto il primo cittadino - Sicuramente non vogliamo più perdere tempo. I progetti verranno messi in gara in tempi brevissimi e per farlo martedì prossimo porterò in giunta una delibera ad hoc». Il Bando periferie per il Comune vale la bellezza di 18 milioni di euro. Soldi a cui vanno aggiunti altri 10 milioni di investimenti privati. Per la precisione, a beneficio della città del Santo sono stati stanziati da Governo 17milioni 913 mila euro che andranno a finanziare la bellezza di 8 interventi.
GLI INTERVENTI
Ecco quali sono. Per quel che riguarda i progetti legati al parco delle Mura, l'investimento complessivo supera i 5milioni e mezzo di euro. Il bando prevede poi il finanziamento della viabilità lenta padovana, quindi nuove piste ciclabili e percorsi pedonali, in modo particolare tra via Canestrini e via Bembo. Interventi che richiedevano un investimento da 1,2 milioni di euro. Della partita fa parte anche il restauro della scuola Monte Grappa. Stesso discorso vale per il recupero del castello dei Carraresi il cui progetto è stato messo in gara un paio di mesi fa. I fondi statali dovevano servire anche per installare nuove telecamere. In questo caso, però, l'amministrazione Giordani sarebbe intenzionata a finanziarle con fondi propri. L'intervento prevede la predisposizione in città di 477 nuovi occhi elettronici e il progetto è già stato messo in gara. Il bando andrà a finanziare anche l'ultimazione del parco del Basso Isonzo. I fondi statali dovevano servire, poi, per la trasformazione di piazzale Boschetti in un parco pubblico e per il centro sportivo Petrarca (più di 3 milioni di euro). Anche in questo caso, però, il Comune potrebbe finanziare il progetto con proprie risorse.
Alberto Rodighiero
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore