scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
24/11/2020

Bando imprese, al Tar il ricorso del Moderno Commissione secretata

Messaggero Veneto - m.mi.

il contenzioso Bando imprese, al Tar il ricorso del Moderno Commissione secretata il contenzioso
Il bando imprese ("Una impresa accessibile ed inclusiva", che mette a disposizione 3,4 milioni di euro alle aziende che investono per migliorare la propria azienda e renderla anche più sostenibile sotto il profilo ambientale) sarà oggetto di una commissione consigliare ad hoc - secretata -, dopo le polemiche tra opposizione e maggioranza, ma finirà anche in tribunale. Non il bando, ma una pratica che è stata esclusa: quella del Moderno srl (società che dà il nome all'albergo di piazza XX Settembre e fino alla scorsa estate anche al ristorante, che pure aveva una gestione diversa). Nell'ultima seduta di giunta, l'esecutivo, sentita l'istruttoria dell'ufficio legale, ha deciso di resistere davanti al Tar.Già a giugno, nella determina che approvava la graduatoria delle istanze a domanda che rientravano nel primo step, la pratica del Moderno srl (la società che gestisce l'albergo che si affaccia su piazza XX Settembre) era stata esclusa. La ragione? il mobilio per il quale si chiedeva il rimborso era stato acquistato in un periodo antecedente ai termini fissati dal bando, quindi mancava alla domanda un requisito essenziale. Nella determina del 12 agosto (notificata alla società due giorni dopo) è stata confermata l'inammissibilità. Moderno srl, che con un importo del progetto di 229.527 euro puntava al contributo a fondo perduto di 100 mila euro, ha impugnato l'atto davanti al Tribunale amministrativo, con richiesta di sospensiva. La notifica al Comune è arrivata il 4 novembre, da qui la decisione di resistere in giudizio.Su un altro fronte - quello che ha visto il sindaco avocare a sè e poi affidare al segretario generale la gestione del bando, per cercare di semplificare l'erogazione dei fondi - l'opposizione ha ottenuto la convocazione di una commissione dedicata, che è stata programmata per il 26 novembre. Da quanto è stato riferito ai componenti dell'opposizione, non ci saranno però i rappresentanti delle associazioni di categoria che avevano chiesto al sindaco di intervenire per accelerare i tempi. --m.mi.© RIPRODUZIONE RISERVATA