MENU
Chiudi
09/11/2018

Bando eventi di Natale la «guerra» dei 5 Stelle

La Gazzetta Del Mezzogiorno

LA CITTÀ DELLE POLEMICHE GARA CONTESTATA UN MESE DI SPETTACOLI Mangano e Colella: «Anche i requisiti stringenti lasciano non pochi dubbi sulla reale volontà di creare concorrenza»
I pentastellati: tempi troppo stretti, vediamo in quanti si presentano
NINNI PERCHIAZZI l Bando di Natale 2018 del Comune di Bari, insorge il gruppo consiliare del Movimento 5 stelle. Sotto accusa i tempi di pubblicazione della gara (che limiterebbero la possibilità di concorrenza), il piano di comunicazione richiesto e l'aver ignorato ancora una volta i Municipi. Il bando pubblicato due giorni fasul sito del Comune di Baristanzia 130mila euro circa con l'obiettivo di organizzare un mesedi eventi e spettacoli, in grado di soddisfare le esigenze di grandie piccini. La scadenza per la presentazione dei progetti è fissata al 22 delmese in corso, mentre le manifestazioni avranno inizio il giornodi San Nicola per concludersi all'Epifania. «In perfetta continuità con gli anni precedenti questa amministrazione scoraggia la partecipazione con tempistiche e requisiti stringenti lasciando non pochi dubbi sulla reale volontà di creare concorrenza», attaccano i consiglieri comunali Sabino Mangano e Francesco Colella . «Si tratta di un progetto relativo ad un mese di eventi per adulti ebambinidel costo complessivo di quasi 130mila euro messo a bando a meno di un mese prima dall'inizio del periodo in oggetto con solo due settimane per la redazione della proposta, con la probabile approvazione della graduatoria provvisoria a ridosso dello start della manifestazione. Quindi, in buona sostanza, c'è l'effettiva impossibilità nel caso di voler portare avanti eventuali ricorsi, che si rivelerebbero inutili», incalzano i consiglieri. Il bando richiede spettacoli e manifestazioni che spazieranno dalla musica, al teatro e alle arti di strada, con lo scopo di animare le principali strade e piazze cittadine dal 6 dicembre al 6 gennaio. Torna l'allestimento del «Villaggio di Babbo Natale» in piazza Umberto che ospiterà letture animate, spettacoli teatrali, laboratori e attività ludiche varie, legati al tema del Natale, così come è confermata la presenza della «Casa di Bari Social Christmas» a cura della rete del Welfare comunale, con appuntamenti ludici e didattici. Palazzo di Città ha scelto di suddividere la somma complessiva in tre lotti distinti (70mila euro per gli eventi, 25mila euro per il villaggio di babbo natale, 34mila per la vigilanza), con l'ulteriore possibilità legata al permettere la massima libertà artistica nella programmazione degli eventi. Un dato apprezzato dal M5s che però «non colma minimamente l'inopportunità di un simile ritardo nella pubblicazione del bando». Riflettori infine sulpiano di comunicazione richiesto all'interno del progetto. «Se ne chiede unomolto dettagliato con brochure in diverse lingue, locandine, manifesti, totem e altro che, insieme a tutto il resto del progetto artistico e alle casette (ogni anno ci chiediamo perché non vengano acquistate dal Comune una volta per tutte), l'aggiudicatario dovrà mettere su concretamente in unasettimana o poco più! Come è possibile?», si domandano non senza ironia i pentastellati. E aggiungono. «E se pure fosse possibile, la qualità di una simile corsa quale potrebbe essere? Per un progetto simile e di unadurata così ampia sarebbero necessari mesi di programmazione e predisposizione». Infine i cinque municipi, che nella gara non vengono menzionati. «IMunicipi sono ancora una volta "ignora ti". Eppure il Regolamento Istitutivo sul Decentramentoprevede che per le funzioni non allocate in via esclusiva in capo ai Municipi vengano assicurate risorse in misura non inferiore al30% della spesa globale, come nel caso delle funzioni culturali», spiegano. «In questi anni, invece, per i Municipi sono state stanziate risorse ben al di sotto di tale percentuale e sufficienti a garantirel'organizzazione di manifestazioni simili più a feste di condominio che a veri e propri eventi. Qualcosa non torna, o forse sì. Vedremo quanti saranno ipartecipanti», concludono sollevando un'ulteriore, velata, polemica.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore