scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
31/10/2020

Bando da 300mila euro per le imprese danneggiate dal Covid

Il Tirreno

emergenza economica
AltopascioBando straordinario da 300mila euro per le le imprese, le partita Iva e in generale a i settori lavorativi che più di altri stanno subendo i danni del Covid. È il nuovo intervento della manovra "Altopascio con te", che sta permettendo al Comune di sbloccare quasi 800mila euro di risorse proprie, da destinare alla comunità. Oltre al fondo per famiglie da 220mila euro (il cui bando scade il 7 novembre), da oggi sarà attivo anche il bando dedicato al mondo del commercio e delle imprese, micro, piccole e medie di Altopascio. Un contributo straordinario, erogato in un'unica soluzione, per le imprese e i lavoratori che hanno riscontrato, nel periodo di marzo e aprile 2020, una riduzione del fatturato di almeno il 50%, rispetto a quello dello stesso periodo del 2019. Il contributo massimo erogabile per ciascuno è di 1.500 euro. Sull'home page del comune (www.comune.altopascio.lu.it) sarà possibile trovare il portale a cui accedere per presentare la domanda di contributo. Per partecipare c'è tempo fino alle 12 del 16 novembre. «Nessuno verrà lasciato indietro - spiegano il sindaco Sara D'Ambrosio e l'assessore Adamo La Vigna - né le famiglie, né le attività commerciali ed economiche. Non abbiamo dimenticato neanche le associazioni sportive, i lavoratori dello spettacolo, gli studi professionali e gli operatori del turismo. Abbiamo deciso di non lasciare indietro neanche lo sport, la cultura e il terzo settore dove abbiamo deciso di includere le associazioni sportive dilettantistiche, culturali, di promozione sociale, che svolgono le loro funzioni in strutture non messe a disposizione gratuitamente dal Comune. Per quelle che invece utilizzano le strutture comunali prevediamo un ulteriore bando, specifico per lo sport e il mondo del sociale/volontariato, che stiamo predisponendo per ulteriori 60mila euro».«Avevamo chiesto all'amministrazione di intervenire per prevedere un sostegno per le attività più colpite - aggiunge la presidente del Ccn di Altopascio Federica Benedetti Stefanini - il bando è frutto di un confronto e di un lavoro di concertazione, che ci ha permesso di esprimere le nostre richieste e di trovarle attuate nel bando stesso. Ora più che mai serve collaborazione: le attività economiche sono in forte difficoltà, il nuovo Dpcm sta rendendo ancora più precario il nostro lavoro, le nostre certezze vacillano». --