scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/11/2020

Bando connessione internet, ci penserà l’assessore Sberna

Il Messaggero

PUBBLICA ISTRUZIONE O SERVIZI SOCIALI? IL DUBBIO È RIMASTO FINO ALL'ULTIMO OGGI IL DG DELLA ASL PARLERÀ IN CONSIGLIO
PALAZZO DEI PRIORI
Bando per la connessione a internet e per l'acquisto di tablet: chi deve provvedere, la pubblica istruzione o i servizi sociali? La matassa è stata sbrogliata solo nelle ultime ore: ci penserà l'assessorato guidato da Antonella Sberna, che nel giro di una settimana ha pubblicato o è in procinto di farlo almeno altri cinque bandi. Il provvedimento, forte di 100 mila euro di stanziamento, era stato inserito all'interno del maxiemendamento al bilancio, approvato all'unanimità il 30 ottobre. La misura serve a venire incontro alle famiglie in difficoltà, per garantire la didattica a distanza, ovvero di poter seguire le lezioni da casa nel momento in cui si dovesse ripetere un lockdown o se la classe finisse in quarantena. I fondi vanno spesi entro la fine dell'anno, altrimenti tornano in avanzo di amministrazione e non se ne parla più. «Fino a martedì sera dice l'assessore alla pubblica istruzione, Elpidio Micci - non si era capito bene chi lo dovesse fare. Il giorno in cui è stato approvato il bilancio stavo poco bene e non sono andato in consiglio comunale. Poi qualche giorno fa mi hanno detto che c'era da fare il bando, ma dovrebbe farlo l'assessore Sberna». Via libera dai servizi sociali, che intanto sono in trincea con un superlavoro. «In questi ultimi giorni e fino a lunedì spiega Sberna sono in pubblicazione cinque bandi, quello sulla scuola arriverà dunque la prossima settimana». I servizi sociali hanno infatti in lavorazione quello delle associazioni del volontariato, sulla vita indipendente con finanziamento regionale, per persone che hanno disabilità, un altro sui buoni spesa, poi il bando per la famiglia numerosa e sui voucher formativi. «Ci abbiamo messo qualche giorno in più perché sarà tutto online, quindi più facile per gli utenti. E si eviteranno anche assembramenti. La procedura è snellita. Tutto questo lo abbiamo fatto in pochissimi giorni, lavorando anche di notte. Entro la prossima settimana arriverà anche la scuola». Oggi intanto altra seduta di consiglio comunale. Sarà ordinaria, ma con un'introduzione straordinaria: il direttore generale della Asl, Daniela Donetti, invitata dal sindaco Giovanni Arena farà il punto della situazione sull'emergenza Covid19, con un'informativa a sull'evolversi della situazione epidemiologica a Viterbo. Poi si passerà ai punti all'ordine del giorno. Tra questi, la richiesta di istituzione del garante dei diritti delle persone private o limitate nella libertà personale del Comune. Approvata all'unanimità lo scorso gennaio in commissione, questa figura avrà il compito di vigilare indirettamente sui diritti dei detenuti e promuovere iniziative in loro favore. La proposta è stata avanzata dai capigruppo di Forza civica e Movimento 5 Stelle, rispettivamente Giacomo Barelli e Massimo Erbetti.
Massimo Chiaravalli
© RIPRODUZIONE RISERVATA