scarica l'app
MENU
Chiudi
11/01/2020

Bando ambulanze, il Pd incalza “Così smantellano il welfare ligure”

La Stampa - M.PI.

Prosegue il dibattito dopo l'annuncio della Regione di affidare con un bando il trasporto dei malati fra ospedali. Giusto, presidente del Consiglio: le Croci sono una grande ricchezza IL CASO
La Regione intende affidare ai privati il trasporto ordinario dei pazienti su ambulanza. Alle pubbliche assistenze rimarrebbero i servizi di urgenza. La questione è diventato un caso politico. Dal gruppo consiliare del Pd di Savona, commentano: «Prosegue lo smantellamento del sistema di welfare e sanitario della Liguria e tocca da vicino tutti i territori, anche il nostro Comune. L'ultimo caso riguarda uno dei servizi storici delle pubbliche assistenze: il trasferimento dei malati tra gli ospedali. I direttivi dei sodalizi stanno già pensando a un ricorso al Tar, nel caso in cui il bando non sia revocato. Andare a gara è stata una scelta sbagliata nei contenuti e nei metodi: non si comprende la fretta di emanare questo bando quando la legge non è stata ancora approvata». Il Pd chiede una presa in carico del caso alla giunta guidata dal sindaco Ilaria Caprioglio. «Crediamo sarebbe importante che anche il Comune di Savona prendesse una posizione. Ci sembra doveroso. Lo chiederemo in Consiglio comunale. La gara europea bandita dalla Regione per l'assegnazione del trasporto sanitario è un atto grave che minaccia l'esistenza stessa delle pubbliche assistenze. Bisognerebbe capire come far gestire in modo efficiente al privato un servizio che le pubbliche assistenze riescono a mantenere anche grazie alla grande attività di volontariato e alla generosità dei cittadini». Il medico Renato Giusto, presidente del Consiglio comunale: «Le pubbliche assistenze sono una ricchezza eccezionale nel panorama cittadino e provinciale. Se la Regione si dovesse fare carico delle spese di trasporto dei pazienti dei privati, sarebbero di gran lunga superiori ai soli rimborsi chilometrici che, oggi, percepiscono le Croci che nei piccoli centri, tra l'altro, sono anche un importante punto di aggregazione e di primo intervento». - © RIPRODUZIONE RISERVATA