scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/03/2021

BANDI E FONDI COMUNITARI

ItaliaOggi Sette

FINANZIAMENTI PMI
SETTORE AGRICOLTURA ANTICIPAZIONE HH TITOLO DEL BANDO AGRIHUBS SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO BANDO GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 3 L. 2 Contenuto: si può aderire al progetto europeo SmartAgriHubs che viene finanziato dal programma di Ricerca e Innovazione Horizon 2020. L'obiettivo del progetto è quello di realizzare la digitalizzazione dell'agricoltura europea promuovendo ecosistemi d'innovazione basati su eccellenza, sostenibilità e successo. Viene elargito un contributo minimo di diecimila euro e uno massimo di 60 mila euro. Il 75% della disponibilità finanziaria totale del programma è destinata alle attività delle pmi e delle startup. In particolare il bando va a finanziare attività di tipo hackathon che contribuiranno al riavvio dell'economia agroalimentare europea dopo la crisi Covid 19 e cofinanzia progetti per facilitare l'accesso ai dati e ai servizi per una più facile innovazione digitale nei settori agroalimentari. Riferimenti: https://www.smartagrihubs.eu/opencall/restart/SmartAgriHubs-OpenCall GRADO DI DIFFICOLTÀ AGRICOLTURA Contenuto: si può aderire a un bando che cofinanzia progetti atti alla promozione di prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi (rif. Guue C 31/6 del 28/1/2021). Si punta a rafforzare la competitività del settore agricolo dell'Unione europea; a migliorare il grado di conoscenza dei meriti dei prodotti agricoli dell'Unione europea e degli elevati standard applicati ai metodi di produzione comunitaria; ad aumentare la competitività e il consumo dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari europei; a ottimizzarne l'immagine tanto all'interno quanto all'esterno dell'Unione europea; a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell'Unione europea; ad aumentare la quota di mercato dei prodotti agricoli e di determinati prodotti alimentari europei prestando particolare attenzione ai mercati degli Stati terzi che presentino il maggior potenziale di crescita, ma soprattutto si vuole ripristinare condizioni normali di mercato in caso di turbative gravi dello stesso, perdita di fiducia dei consumatori o altri problemi specifici. Possono pertanto essere cofinanziati progetti di informazione e di promozione quali attività promozionali, campagne di informazione, attività di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale, attività sui social media, campagne promozionali online, ecc. Il bando riguarda l'esecuzione di programmi semplici che possono essere presentati da una organizzazione proponente o da più organizzazioni riunite in un partenariato, tutte dello stesso Stato membro relativi ad azioni nel mercato interno o nei Paesi terzi suddivisi per nove temi specifici. Per quanto concerne il mercato interno sono stanziati cinque milioni di euro (rif. Tema 1- AGRIP-SIMPLE-2021-IM-EU QS) per cofinanziare programmi di informazione e di promozione destinati a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità dell'Unione europea ovvero regimi di qualità, denominazione di origine protetta (Dop), indicazione geografica protetta (Igp), specialità tradizionale garantita (Stg) e indicazioni facoltative di qualità; il simbolo grafico (logo) dei prodotti agricoli di qualità caratteristici delle regioni ultraperiferiche dell'Unione europea. Mentre per il tema 2 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-IM-ORGANIC) ha un budget di sei milioni di euro, vengono cofinanziati progetti di informazione e di promozione destinati a rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento del regime di qualità dell'Unione europea relativo al metodo di produzione biologica e dare rilievo a un riconoscimento del logo biologico dell'Unione europea da parte dei consumatori europei. Il tema 3 (rif. AGRIP-SIMPLE2021-IM-SUSTAINABLE) ha un importo totale di 6 milioni di euro e cofinanzia programmi, iniziative di sensibilizzazione in merito all'agricoltura sostenibile dell'Unione europea, al ruolo del settore agroalimentare per l'azione per il clima e l'ambiente. Possono essere cofinanziate attività per comunicare la sostenibilità ambientale dell'agricoltura dell'Unione europea, sottolinearne l'apporto benefico all'azione per il clima e all'ambiente; dare rilievo alla mitigazione dei cambiamenti climatici (riduzione delle emissioni di gas serra ecc.) e/o all'adattamento agli stessi (risparmio idrico, colture e varietà resistenti al clima ecc.). Possono essere cofinanziati progetti di sensibilizzazione sulla conservazione della biodiversità e sull'uso sostenibile delle risorse naturali (fauna selvatica, paesaggio, risorse genetiche ecc.); gestione sostenibile delle risorse idriche (uso efficiente dell'acqua, riduzione del carico di nutrienti o pesticidi ecc.); gestione sostenibile del suolo (monitoraggio dell'erosione, equilibrio dei nutrienti, prevenzione dell'acidificazione e della salinizzazione, riduzione dei pesticidi ecc.); metodi di produzione animale sostenibili ed efficienti sotto il profilo delle emissioni di carbonio; riduzione dell'uso di antimicrobici; riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari; consumo sostenibile; benessere degli animali. Il tema 4 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-IM-PROPER-DIET) ha un budget totale di 9 milioni e 100 mila euro. Cofinanzia programmi di informazione e di promozione per incentivare il consumo di frutta e verdura fresca nel mercato interno nel contesto di abitudini alimentari corrette ed equilibrate che siano in linea con il libro bianco concernente una strategia sugli aspetti sanitari connessi all'alimentazione, al sovrappeso e all'obesità. Possono essere cofinanziate iniziative per evidenziare i benefici del consumo di frutta e verdura fresca nell'ambito di un'alimentazione equilibrata, iniziative per promuovere il consumo quotidiano di almeno cinque porzioni di vari tipi di frutta e verdura; progetti per evidenziare la posizione della frutta e della verdura nella piramide alimentare, i loro effetti benefici sulla salute. Inoltre il tema 5 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-IM-CHARACTERISTICS) ha un importo totale di sei milioni di euro e possono essere cofinanziate iniziative, programmi di informazione e di promozione sulle specificità dei metodi di produzione agricola nell'Unione europea, sulle caratteristiche dei prodotti agroalimentari dell'Unione europea, sui regimi di qualità; sui metodi di produzione agricola nell'Unione europea. Possono essere cofinanziati progetti sul tema della sicurezza alimentare, della tracciabilità, dell'autenticità, dell'etichettatura, degli aspetti nutrizionali e sanitari comprese abitudini alimentari corrette e consumo responsabile delle bevande alcoliche ammissibili, del benessere degli animali, del rispetto dell'ambiente e della sostenibilità compresi i benefici climatici, come pure delle caratteristiche intrinseche dei prodotti agricoli e alimentari, specialmente in termini di qualità, sapore, diversità o tradizioni. Possono essere cofinanziati progetti nei Paesi terzi con i temi dal 6 al 9. Infatti la Commissione europea cofinanzia programmi di informazione e promozione che evidenzino le caratteristiche specifiche dei metodi agricoli nell'Unione europea e le caratteristiche dei prodotti agroalimentari comunitari e dei sistemi di qualità. Vengono elargiti fondi per programmi di informazione volti ad accrescere la consapevolezza e il riconoscimento dei sistemi di qualità dell'Unione europea, per migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari europei e fare meglio conoscere la loro immagine e che facciano aumentare la loro quota di mercato nei paesi destinatari. Il tema 6 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-TC-ASIA) ha un budget totale di 16 milioni e 300 mila euro e sostiene programmi di informazione e di promozione destinati a uno o più dei seguenti Stati ovvero Cina (compresi Hong Kong e Macao), Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Asia sudorientale o Asia meridionale. Mentre il tema 7 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-TC-AMERICAS) cofinanzia iniziative e programmi di informazione e di promozione destinati a Canada, Stati Uniti o Messico e ha un importo totale di 8 milioni e 300 mila euro. Mentre il tema 8 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-TCOTHERS) cofinanzia progetti di informazione e di promozione destinati ad altre aree geografiche con un importo totale di dodici milioni e trecentomila euro. Il tema 9 (rif. AGRIP-SIMPLE-2021-TC- ORGANIC) cofinanzia programmi di informazione e di promozione riguardanti i prodotti biologici nell'ambito del regime di qualità dell'Unione europea che siano in grado di rafforzare la consapevolezza e il riconoscimento dei regimi di qualità relativi alla produzione biologica nei Paesi terzi e ha un budget totale di 12 milioni di euro. Possono essere cofinanziate attività di pubbliche relazioni, eventi con la stampa, innovazione e promozione online con siti Internet, social media. Possono essere coperte per esempio spese di configurazione, manutenzione, aggiornamento di siti web; attività di configurazione degli account, pubblicazione regolare di post, applicazioni per dispositivi mobili, piattaforme di e-learning, seminari online; possono essere coperti in parte anche costi di pubblicità su stampa, televisioni, radio, servizi online, attività in ambienti esterni, cinema. Inoltre possono essere coperte le spese per realizzare strumenti di comunicazione quali pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali; video promozionali; o costi per realizzare eventi quali stand in fiere; seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/corsi di cucina, attività nelle scuole; settimane dei ristoranti; sponsorizzazione di eventi; viaggi di studio in Europa. Possono essere coperti anche costi per attività di promozione presso punti vendita quali giornate di degustazione; promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita. Possono presentare domanda realtà in possesso di personalità giuridica, con sede legale in uno Stato membro dell'Unione Europea compresi i paesi e territori d'oltremare (PTOM) quali organizzazioni professionali o interprofessionali, stabilite in uno Stato membro e rappresentative del settore o dei settori interessati in tale Stato membro, in particolare le organizzazioni interprofessionali di cui ai regolamenti 1308/2013 (art. 157) e 1151/2012 (art. 3, punto 2); organizzazioni di produttori o associazioni di organizzazioni di produttori di cui al regolamento 1308/2013 (artt. 152 e 156) e che sono state riconosciute da uno Stato membro; organismi del settore agroalimentare legalmente costituiti almeno due anni prima del bando. Il proponente del progetto deve essere rappresentativo del settore/prodotto interessato. Possono essere coperti i costi sino al 70% per programmi semplici nel mercato interno; mentre sino all'80% per programmi semplici nei Paesi terzi. Ogni progetto deve durare tra i 12 e i 36 mesi. Occorre fare domanda tramite il portale Funding and Tender della Commissione europea. Il budget totale ammonta a 81 milioni di euro. A chi rivolgersi: Commissione europea - CHAFEA (Agenzia esecutiva per i consumatori, la salute, l'agricoltura e l'alimentazione) - ec.europa.eu/info/funding-tenders/opportunities/portal SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HTITOLO GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 4 AGRICOLTURA Contenuto: è aperto un bando che cofinanzia attività di informazione e promozione a favore di prodotti agricoli nel mercato interno e nei Paesi terzi con programmi multipli (rif. Guue C 31/27 del 28/1/2021). Si punta a rafforzare la competitività del settore agricolo dell'Unione europea. Possono essere cofinanziate attività quali iniziative promozionali, campagne di informazione, in particolare in forma di relazioni pubbliche, pubblicità, attività di vendita, partecipazione a eventi e fiere di importanza nazionale, europea e internazionale. Si intende per programmi multipli una serie di attività che possano essere presentati da una organizzazione proponente o da più organizzazioni riunite in un partenariato, tutte dello stesso Stato membro dell'Unione europea relativi ad azioni nel mercato interno o nei Paesi terzi nell'ambito di sei temi. Il primo tema relativo al mercato interno (rif. AGRIP-MULTI-2021-IM) ha un budget totale di quattro milioni e duecentomila euro. Cofinanzia attività di informazione e di promozione sui regimi di qualità europei quali la denominazione di origine protetta (Dop), l'indicazione geografica protetta (Igp), la specialità tradizionale garantita (Stg) e le indicazioni facoltative di qualità, il simbolo grafico (logo) dei prodotti agricoli di qualità caratteristici delle regioni ultraperiferiche dell'Unione europea. Inoltre possono essere cofinanziati progetti di informazione e di promozione destinati a mettere in evidenza le specificità dei metodi di produzione agricola nell'Unione europea e le caratteristiche dei relativi prodotti agroalimentari, i regimi di qualità e occorre che tali iniziative diano informazioni sulla produzione agricola nell'Unione europea, sulla sicurezza alimentare, sulla tracciabilità, autenticità, etichettatura, gli aspetti nutrizionali e sanitari (comprese abitudini alimentari corrette e consumo responsabile delle bevande alcoliche ammissibili), del benessere degli animali, come pure delle caratteristiche intrinseche dei prodotti agricoli e alimentari, specialmente in termini di qualità, sapore, diversità o tradizioni. Mentre per il tema 2 (rif. AGRIP-MULTI-2021-IM- ORGAN) possono essere cofinanziati progetti di informazione e di promozione per dare rilievo mediatico e informativo sul regime di qualità dell'Unione europea, sul metodo di produzione biologica europeo che offre importanti garanzie sulla sostenibilità, sulla qualità e sulle caratteristiche del prodotto o del processo di produzione utilizzato. Il tema 2 ha un importo totale di diciassette milioni di euro. Per il tema 3 (rif. AGRIP-MULTI2021-IM-SUSTAINABLE), che ha un budget totale di dodici milioni di euro, possono essere cofinanziati progetti di sensibilizzazione in merito all'agricoltura sostenibile dell'Unione europea, al ruolo del settore agroalimentare per l'azione per il clima e l'ambiente, con iniziative che diano evidenza al fatto che la produzione europea tiene conto della conservazione della biodiversità e dell' uso sostenibile delle risorse naturali (fauna selvatica, paesaggio, risorse genetiche, ecc.); progetti che spieghino con in Europa per la produzione agricola si curi anche la gestione sostenibile delle risorse idriche (uso efficiente dell'acqua, riduzione del carico di nutrienti o pesticidi, ecc.), la gestione sostenibile del suolo (monitoraggio dell'erosione, equilibrio dei nutrienti, prevenzione dell'acidificazione e della salinizzazione, riduzione dei pesticidi, ecc.); iniziative che diano evidenza ai metodi di produzione animale sostenibili ed efficienti sotto il profilo delle emissioni di carbonio; riduzione dell'uso di antimicrobici; riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari; consumo sostenibile; benessere degli animali. Inoltre per il tema 4 (rif. AGRIP-MULTI-2021-IM-PROPER DIET) possono essere cofinanziati progetti di informazione e di promozione atti ad aumentare il consumo di frutta e verdura fresca nel mercato interno nel contesto di abitudini alimentari corrette ed equilibrate. Il tema 4 ha un importo di dieci milioni di euro. Per quanto concerne i Paesi terzi possono essere cofinanziati progetti per i temi 5 e 6. Il tema 5 (rif. AGRIP-MULTI-2021TC-ALL) cofinanzia programmi di informazione e di promozione destinati a qualsiasi Paese terzo con un budget totale di 25 milioni e 200 mila euro. Possono essere cofinanziate attività che evidenzino i metodi di produzione agricola nell'Unione europea sul piano della sicurezza alimentare, della tracciabilità, dell'autenticità, dell'etichettatura, degli aspetti nutrizionali e sanitari, del benessere degli animali, del rispetto dell'ambiente e della sostenibilità e le caratteristiche intrinseche dei prodotti agricoli e alimentari, in particolare in termini di qualità, sapore, diversità o tradizioni. Mentre il tema 6 (rif. AGRIP-MULTI-2021TC-ORGANIC) cofinanzia progetti di informazione e di promozione riguardanti i prodotti biologici nell'ambito del regime di qualità dell'Unione europea con un importo totale di 14 milioni di euro. Possono essere coperti i costi per eventi stampa, attività di pubbliche relazioni, iniziative di promozione e informazione online, social media e siti Internet, applicazioni per dispositivi mobili, piattaforme di e-learning, seminari online, pubblicità su stampa, televisioni, radio, servizi online, attività in ambienti esterni, cinema. Possono essere coperte le spese per realizzare strumenti di comunicazione quali pubblicazioni, kit mediatici, gadget promozionali; video promozionali; possono essere coperti costi relativi a stand in fiere; seminari, workshop, incontri tra imprese, formazioni commerciali/ corsi di cucina, attività nelle scuole; settimane dei ristoranti; sponsorizzazione di eventi; viaggi di studio in Europa; oppure costi per attività di promozione presso punti vendita quali giornate di degustazione; promozione nelle pubblicazioni destinate ai dettaglianti, pubblicità presso i punti vendita. Possono inoltrare domanda organizzazioni professionali o interprofessionali, con sede legale in uno Stato membro dell'Unione europea e rappresentative del settore o dei settori interessati in tale Stato membro; organizzazioni professionali o interprofessionali dell'Unione europea rappresentative del settore interessato o dei settori interessati; organizzazioni di produttori o associazioni di organizzazioni di produttori; organismi del settore agroalimentare il cui obiettivo e la cui attività consistano nel promuovere i prodotti agricoli e nel fornire informazioni sugli stessi. Ogni progetto approvato potrà ottenere un contributo comunitario che cofinanzi sino al massimo dell'80% dei costi ammissibili. Ogni progetto deve durare fra i dodici e i trentasei mesi. Il bando ha in totale 82 milioni e 400 mila euro di budget. A chi rivolgers i: Chafea -Agenzia esecutiva per i consumatori, la salute, l'agricoltura e l'alimentazione - ec.europa.eu/info/funding-tenders/ opportunities/portal - https://ec.europa.eu/chafea/ index_en.htm SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HTITOLO GRADO DI DIFFICOLTÀ COOPERAZIONE L. 1 Contenuto: è aperto un bando del programma RegioStars che elargisce dei premi per progetti innovativi di sviluppo regionale. È giunto alla sua quattordicesima edizione ed è gestito dalla Dire zione Generale Politica Regionale e Urbana della Commissione europea. Vengono selezionati progetti finanziati dai fondi della politica di coesione europea che si distinguono per eccellenza e per nuovi approcci nello sviluppo regionale. I riconoscimenti danno visibilità e consentono di condividere realizzazioni che hanno avuto un impatto positivo sul territorio e di trasferire know how sulle best practices. Le categorie premiate sono cinque e riguardano Europa intelligente - accrescere la competitività delle imprese locali in un mondo digitale; Europa verde - comunità verdi e resilienti in contesti urbani e rurali; Europa equa- favorire l'inclusione e la non discriminazione; Europa urbana- promuovere sistemi alimentari verdi, sostenibili e circolari nelle aree urbane funzionali; Europa e mobilità - rafforzare la mobilità verde nelle regioni - Anno europeo delle ferrovie 2021. Si possono candidare progetti cofinanziati dal Fondo europeo di Sviluppo Regionale (Fesr), dal Fondo sociale europeo (Fse), dal Fondo di Coesione o dai programmi Interreg IPA-CBC o ENI-CBC e che abbiano avuto inizio dopo il primo gennaio 2007. Sono ammissibili anche progetti finanziati congiuntamente da più strumenti (Fesr o Fondo di Coesione con altri Fondi strutturali o con fondi a gestione diretta). Le candidature devono essere presentate dal promotore del progetto. Una giuria indipendente, costituita da accademici di alto livello, valuta i progetti pervenuti e nomina i vincitori. Il pubblico può scegliere il proprio vincitore attraverso un voto online e assegnare il Premio del pubblico a uno dei progetti. La cerimonia di premiazione dei vincitori delle cinque categorie e del vincitore del Premio del pubblico si terrà a Dubrovnik, in Croazia, a dicembre 2021. I vincitori delle cinque categorie beneficiano di una media partnership del valore di cinquemila euro e i finalisti potranno partecipare a sessioni di formazione sulla comunicazione nel quadro della Settimana Europea delle Regioni e delle Città in programma a ottobre. Si segnala anche che il Joint Research Centre della Commissione Europea ha aperto un invito pilota a manifestare interesse per creare Living Labs per la sperimentazione di nuove tecnologie e applicazioni per le smart cities. Il JRC mette a disposizione due dei propri siti di ricerca a Ispra (Italia) e Petten (Paesi Bassi) che permettono di testare soluzioni digitali avanzate applicate al settore dei trasporti e dell'energia per le smart cities. Possono aderire al bando piccole, medie aziende, start-up, organizzazioni pubbliche e private con sede legale o negli Stati membri dell'Unione Europea che siano interessati a progetti inerenti i trasporti condivisi quali consegna automatizzata porta a porta. connettività e comunicazione tra veicoli, navette e robo-taxi automatizzati, soluzioni per veicoli puliti. Le priorità tematiche per il Living Lab di Ispra e Petten sulle soluzioni per l'energia riguardano tecnologie e strumenti per la gestione dell'energia, dispositivi e sistemi di Internet of Things, strumenti avanzati per l'analisi e la visualizzazione dei dati. Si possono inviare candidature e manifestazioni di interesse fino al 31 dicembre 2021. A chi rivolgers i: https://regiostarsawards. eu/ - https://ec.europa.eu/jrc/en/research-facility/ living-labs-at-the-jrc/call-expression-interest-future-mobility-and-digital-energy-solutions SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO ANTICIPAZIONE HHHH TITOLO GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 3 EASI-PROGRESS Contenuto: è aperto un bando del programma europeo EaSI - Asse Progress che punta a rafforzare il ruolo delle parti sociali e a mitigare l'impatto economico e sociale della crisi da covid-19. Possono essere cofinanziati progetti per promuovere il dialogo sociale a livello intersettoriale e settoriale, nelle sue diverse dimensioni di scambio di informazioni, consultazione, negoziazione, in particolare nel quadro delle priorità della Commissione europea e del Pilastro europeo dei diritti sociali; progetti di analisi e di formazione; attività di preparazione, monitoraggio, follow-up e/o attuazione di testi congiunti concordati a livello intersettoriale e settoriale. Il tutto per raccogliere contributi o risposte congiunte agli sforzi nazionali per salvaguardare i posti di lavoro e supportare le strategie di ripresa economica, in particolare in relazione all'impatto del covid-19. Possono beneficiare dei fondi organizzazioni delle parti sociali a livello europeo con sede legale in uno degli Stati dell'Unione europea, oppure in Islanda, Norvegia, Albania, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia, Turchia. Si può ottenere in cofinanziamento che può arrivare a coprire sino al 95% dei costi ammissibili con un importo che può variare tra un milione e cinque milioni di euro. I progetti devono essere presentati da un consorzio costituito da almeno due organizzazioni delle parti sociali di cui il lead-applicant deve essere un'organizzazione delle parti sociali a livello europeo intersettoriale, rappresentativa dei lavoratori o dei datori di lavoro, stabilita in uno degli Stati europei oppure in Islanda o in Norvegia. Ogni progetto deve durare tra i dodici e i 24 mesi. Il bando ha un importo totale di cinque milioni di euro. A chi rivolgersi: ec.europa.eu/social- Commissione europea - DG Occupazione, Affari sociali, Inclusione SETTORE COOPERAZIONE GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 5 I-PORTUNUS Contenuto: è aperto un bando del programma europeo i-Portunus che cofinanzia progetti di mobilità transnazionale di artisti e professionisti del settore del patrimonio culturale. Rientra nel programma Europa Creativa che offre agli artisti e ai professionisti della cultura l'opportunità di beneficiare di un breve periodo di mobilità in un altro Stato. Possono rispondere al bando artisti, creativi e professionisti attivi nel settore del patrimonio culturale, di età superiore ai 18 anni, aventi qualsiasi tipo di titolo di studio e livello di esperienza e residenti in uno degli Stati ammissibili al programma europeo Europa Creativa. Si possono inoltrare candidature individuali, oppure candidature di gruppo (fino a 5 persone). Possono essere cofinanziati progetti di mobilità continua o mobilità segmentata con più periodi di almeno cinque giorni. I progetti di mobilità possono essere collaborazioni internazionali, come per esempio scambi di conoscenze o migliori pratiche; residenze orientate alla produzione e allo sviluppo di nuove abilità; riunioni di rete, workshop, masterclass e altre iniziative di formazione al di fuori dell'istruzione formale, come gli hub creativi. I progetti si realizzeranno in uno o più degli Stati che partecipano a Europa Creativa diversi dal proprio di residenza. La durata complessiva dei progetti di mobilità deve essere compresa tra sette e sessanta giorni a partire dal 16 luglio al 30 novembre 2021. Vengono coperte parzialmente le spese di viaggio (trasporto, alloggio ecc.) e l'importo massimo erogato può essere di 3 mila euro a persona (350 euro per il trasporto, 2650 euro per il soggiorno). A chi rivolgersi: www.i-portunus.eu SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO MOBILITÀ SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HH TITOLO EUROPAID GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 4 Contenuto: si ricorda che è stato adottato di recente dal Parlamento europeo un regolamento che introduce lo strumenxrogrammi dell'Ue forniranno ulteriori investimenti nel settore della salute che andranno a completare EU4Health che ha un budget di 9,4 miliaxr creare scorte di forniture mediche di emergenza; i fondi di «Europa digitale» e del «Meccanismo per collegare l'Europa» per la creazione dell'infrastruttura digitale necessaria per gli strumenti sanitari digitali. A chi rivolgersi: https: //ec.europa.eu/research/ participants/data/- https: //ec.europa.eu/easme/en/ news/blue-economy-window-call-justlaunched - https: //webgate.ec.europa.eu/funding GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 2 Contenuto: si può partecipare un bando per progetti di cooperazione da realizzarsi a favore della società civile nell'Africa occidentale e nel bacino del lago Ciad (Rif. EuropeAid/170382/DD/ACT/Multi del 10/2/2021). Rientra nel quadro dello «Strumento europeo per la stabilità e la pace» che supporta e rafforza la società civile in alcuni Stati e regioni dell'Africa occidentale e del bacino del lago Ciad e che puntaa rafforzare il loro ruolo nella prevenzione dei conflitti, nella costruzione della pace e nella gestione delle crisi. Il bando ha due lotti, un primo lotto sostiene la creazione e lo sviluppo di una rete regionale di esperti specializzati nella prevenzione dei conflitti e dell'estremismo violento e nella costruzione della pace per l'Africa occidentale e il bacino del lago Ciad e cofinanzia progetti per sviluppare scambi di competenze tra professionisti dell'Africa occidentale e del bacino del lago Ciad e professionisti europei. I progetti devono durare tra trenta e trentasei mesi e devono svolgersi in uno o più dei seguenti Stati Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger, Ciad, Nigeria, Camerun, Benin, Ghana, Togo, Costa d'Avorio, Sierra Leone, Liberia, Guinea, GuineaBissau, Senegal, Gambia, Capo Verde. Il secondo lotto del bando puntaa massimizzare il potenziale dei media (media tradizionali, a livello di comunità, social media ecc.) sulle dinamiche di conflitto per contribuire a costruire e consolidare una pace sostenibile negli Stati interessati. Vengono cofinanziati progetti per rafforzare la capacità d'indagine e di informazione dei giornalisti, delle équipe editoriali, dei gestori dei social network; progetti per utilizzare il potenziale mediatico per sostenere i processi di mediazione, dialogo e riconciliazione; progetti per promuovere la contronarrativa e le campagne positive combattere l'incitamento all'odio, alla violenza e alla disinformazione; possono essere cofinanziati progetti per sostenere le strutture e centri di autoregolamentazione dei media esistenti in materia di linguaggio non violento;e progetti per lo scambio di esperienze tra i media nei vari Stati interessati dal progetto. Ogni progetto deve durare fra 24 e 36 mesi e devono svolgersi in uno o più dei seguenti Stati ovvero Benin, Ghana, Togo, Costa d'Avorio, Sierra Leone, Liberia, Guinea, Guinea-Bissau, Senegal, Gambia, Capo Verde. Per entrambi i lotti del bando deve essere previsto un coinvolgimento della società civile. Possono essere coperte per esempio le spese per seminari e workshop, attività di formazione, coaching; attività di networking, piattaforme di dialogo; campagne di informazione e sensibilizzazione; costi per produzioni audiovisive e progetti sui social media; spese per l'organizzazione di dialoghi, dibattiti, tavole rotonde; ricerche, analisi e indagini specializzate; iniziative o microprogetti; acquisto di attrezzature o infrastrutture leggere in relazione agli obiettivi del bando. Possono presentare progetti ong, organizzazioni rappresentative di popolazioni autoctone, gruppi di cittadini e associazioni professionali locali, cooperative, sindacati, organizzazioni rappresentative degli interessi economici e sociali, organizzazioni locali comprese le reti - che operano nel settore della cooperazione e dell'integrazione regionali decentralizzate, associazioni di consumatori, associazioni di donne e giovani, organizzazioni che operano nel campo dell'insegnamento, della cultura, della ricerca e della scienza, università, chiese e associazioni e comunità religiose, mass media, e tutte le associazioni non governative e fondazioni private e pubbliche che possono contribuire allo sviluppo o alla dimensione esterna delle politiche interne dell'Unione europea. Il partenariato non è obbligatorio. Il bando ha un budget totale di 6 milioni di euro, tre milioni per ciascun lotto. Ogni progetto può coprire sino a un massimo del 90% dei costi ammissibili. Tutti gli aderenti ai progetti devono essere registrati nel sistema Pador online. A chi rivolgersi: webgate.ec.europa.eu/europaid SETTORE INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE HH TITOLO GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 2 EUROPCOM Contenuto: si può partecipare a un bando di EuroPCom, il più importante appuntamento annuale dedicato alla comunicazione pubblica organizzato dalle istituzioni dell'Unione europea, che si terrà anche quest'anno come evento virtuale con una conferenza, giunta alla sua 12a edizione, in programma l'8 e il 9 novembre 2021. È aperta una call for proposals per raccogliere idee che possano contribuire a preparare questa nuova edizione della conferenza. L'Agenda europea per il 2021 contempla diverse questioni di primaria importanza anche per la comunicazione pubblica, per esempio la ripresa post covid-19, la democrazia e la conferenza sul futuro dell'Europa, l'Azione per il clima e il Green Deal europeo. Attraverso la call for proposal gli organizzatori vorrebbero ricevere proposte su argomenti per workshop, suggerimenti per brevi attività di formazione. Gli organizzatori offrono anche la possibilità di presentare candidature come organizzatori di Ideas Labs, ovvero sessioni di discussione partecipative e interattive mirate a migliorare la comunicazione dell'Unione europea, nonché di candidarsi per mostrare e condividere propri progetti di comunicazione innovativi all'interno dello EuroPCom Virtual Market Place. A chi rivolgersi: https://cor.europa.eu/en/events/pages/europcom.aspx SETTORE INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 3 IDEAS SME FUND Contenuto: è aperto un bando denominato Ideas Powered for business Sme Fund - Voucher per la proprietà intellettuale. È gestito dall'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) con un fondo di sovvenzioni da 20 milioni di euro destinato alle piccole e medie imprese con sede nell'Unione europea. Le aiuta ad avvalersi dei propri diritti di proprietà intellettuale (PI) e a trarne vantaggio. Il Fondo, finanziato da EUIPO e dal programma COSME della Commissione europea, è mirato alle pmi europee che intendono sviluppare strategie di proprietà intellettuale e proteggere diritti di proprietà intellettuale a livello nazionale, regionale o dell'Unione europea. Offre, infatti, a queste imprese sostegno finanziario sotto forma di rimborso parziale dei costi per domande di marchio e disegno o modello e per la pre-diagnosi della proprietà intellettuale. Le aziende con sede legale in uno degli Stati dell'Unione europea possono partecipare al bando e ottenere un rimborso del 75% dei costi per la pre-diagnosi e del 50% sulle tasse di base per domande di marchio e disegno o modello a livello nazionale, regionale (Benelux) e dell'Unione europea. Ogni pmi può essere rimborsata fino a un massimo di 1.500 euro. Si possono inoltrare le domande all'interno di specifici periodi ovvero dal primo marzo al 31 marzo 2021; dal primo maggio al 31 maggio 2021; dal primo luglio al 31 luglio 2021; dal primo settembre al 30 settembre 2021. Per ogni «finestra temporale» sono a budget un totale di 4 milioni di euro. A chi rivolgersi: https://euipo.europa.eu S ETTORE INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE HTITOLO ENI SUD GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 1 Contenuto: è aperto un bando del programma Eni Sud Climate for Cities (C4C) che coinvolge le città della sponda sud del Mediterraneo (rif. Commissione europea EuropeAid/170901/DH/ACT/Multi del 12/2/2021). È gestito dallo strumento europeo Eni che supporta e accelera l'attuazione dei Piani d'Azione per il Clima e l'Energia Sostenibile (SECAPs) e iniziative simili volte ad aumentare la resilienza climatica e l'uso sostenibile delle risorse naturali a livello locale. Possono beneficiare del bando gli Stati dell'asse Sud del programma ENI, ovvero Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Palestina, Siria e Tunisia. Possono essere cofinanziati progetti locali integrati con partenariati tra autorità locali, società private, investitori locali, ong e società civile, progetti inerenti a piani d'azione per il clima e l'energia sostenibile; progetti quindi per città verdi. Possono per esempio essere cofinanziati interventi quali la realizzazione di interventi infrastrutturali, coperte le spese per interventi per esempio di efficienza energetica negli edifici pubblici, soluzioni di energia rinnovabile, misure di efficienza idrica, illuminazione stradale efficiente dal punto di vista energetico, mobilità sostenibile e intelligente, infrastrutture di trattamento delle acque reflue, gestione dei rifiuti solidi. I cofinanziamenti possono riguardare anche lo sviluppo di campagne di sensibilizzazione mirate inclusive a livello municipale per famiglie, scuole, aziende oppure la realizzazione di workshop di formazione per i rappresentanti delle amministrazioni locali/ cittadine sulla gestione efficiente delle risorse naturali e sui metodi e i principi di governance urbana sostenibile. Possono essere coperti per esempio i costi ammissibili per interventi di supporto tecnico ai centri accademici e di ricerca nello sviluppo di nuovi programmi di istruzione o formazione che promuovano l'eco-innovazione e la diffusione delle tecnologie verdi, oppure progetti di capacity building per le banche commerciali locali o altri attori per identificare nuovi settori di credito con un impatto climatico elevato e positivo e nello sviluppo di meccanismi di finanziamento innovativi appropriati per una più ampia replicabilità. Possono essere cofinanziati anche progetti di capacity building per i media locali per migliorare la loro comprensione e promozione dell'efficienza nell'uso delle risorse naturali e della resilienza di fronte ai cambiamenti climatici, oppure possono essere coperti i costi per sviluppare piani inclusivi di preparazione alle catastrofi e di riduzione dei rischi e fornire una formazione corrispondente agli utenti interessati, come parte di interventi più ampi, che possono avere una componente infrastrutturale. Possono presentare domanda autorità locali, organizzazioni pubbliche locali, enti di istruzione, realtà accademiche o centri di ricerca con sede legale negli Stati della sponda sud del Mediterraneo beneficiari del bando, ong, associazioni, pmi con sede legale anche in Stati dell'Unione Europea. Si può ottenere una copertura dei costi ammissibili sino a un massimo del 50% con un importo massimo a progetto di 3 milioni e mezzo di euro. Ogni progetto può durare tra i 36 e i 48 mesi. Tutti i partner devono esse re registrati sul sistema online Pador. Il bando in totale ha un budget di 19 milioni di euro. A chi rivolgersi: ec.europa.eu/europaid - Commissione europea - Partenariati internazionali - webgate. ec.europa.eu/europaid SETTORE INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO ELIIT SETTORE COOPERAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO BEI GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 2 Contenuto: si segnala che si può aderire al progetto ELIIT che mira ad aiutare l'implementazione di tecnologie innovative frutto degli eccellenti risultati di ricerca conseguiti in molti settori tecnologici nelle pmi europee attive nei settori del tessile, abbigliamento, cuoio e calzature. Entro il 14 aprile le aziende con sede legale in uno degli Stati dell'Unione europea o negli Stati extraeuropei che possono aderire al programma europeo Cosme (Islanda, Albania, Bosnia, Nord Macedonia, Kosovo, Montenegro, Serbia, Turchia, Moldova, Ucraina, Armenia) e Gran Bretagna possono aderire a questo progetto in partnership con centri di ricerca, di innovazione, università. Ci sarà una pre-selezione dei progetti e una selezione finale dei progetti ritenuti validi. A chi rivolgersi: https://ec.europa.eu/growth/toolsdatabases/eliit/apply_en GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 3 Contenuto: si può aderire a un torneo dell'Innovazione Sociale dell'Istituto BEI - edizione 2021 (Rif. Guue C I/1 del 1/2/2021) che viene realizzato ogni anno ed è giunto alla sua decima edizione. Vengono premiate idee innovative capaci di generare un impatto sociale o ambientale, progetti in vari settori, dall'istruzione all'assistenza sanitaria, dall'ambiente naturale alla creazione di posti di lavoro, dalle nuove tecnologie ai nuovi sistemi e processi. Possono candidarsi enti con o senza scopo di lucro, neoimprenditori, imprese sociali, uffici per la ricerca e lo sviluppo di imprese private di qualsiasi dimensione, ong, enti governativi o di amministrazioni locali, comunità accademiche e team di studenti. I candidati singoli soggetti o team devono essere residenti o in uno degli Stati dell'Unione Europea o negli Stati candidati oppure negli Stati Efta. I progetti innovativi si devono poter attuare entro un ragionevole lasso di tempo e devono poter dare benefici sostanziali alla società, oppure possono essere progetti che abbiano già implementato soluzioni innovative con risultati tangibili in termini di impatto sociale e che possono essere esempi di best practices e modelli replicabili. Vengono elargiti quattro premi per la cosiddetta Categoria Generale e due premi speciali sul tema di quest'anno che è «vivere in modo sostenibile». I primi premi delle due categorie ottengono ciascuno 75 mila euro e i secondi premi invece ottengono 30 mila euro. È anche previsto un Premio intitolato «Beniamino del Pubblico» che ammonta a diecimila euro e che sarà votato dal pubblico. I finalisti possono anche partecipare a un programma di formazione su misura (mentoring bootcamp di due giorni, formazione virtuale sulle tecniche di pitching e comunicazione, con sessioni di coaching one-to-on e di sostegno e orientamento per la messa a punto della loro proposta in vista della selezione finale. La premiazione è prevista per il giorno 7 ottobre 2021 a Lisbona. Il vincitore del primo Premio per la Categoria Generale otterrà anche un voucher di mentoring offerto da EY Transaction Advisory Services in Belgio, mentre due tra i progetti finalisti verranno selezionati per partecipare al INSEAD Social Entrepreneurship Programme a Fontainebleau, in Francia. A chi rivolgers i: https://institute.eib.org/social-innovation-tournment SETTORE INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE HHHH TITOLO EUROPAID GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 5 Contenuto: è aperto un bando relativo al cosiddetto Strumento di Partenariato - Iniziativa Ue a supporto della cyber diplomazia (rif. Commissione europea EuropeAid/170453/DH/ACT/Multi del 1/12/2020). È gestito dalla Commissione europea - Cooperazione e sviluppo EuropeAid e punta ad aumentare il consenso negli Stati partner verso un cyberspazio unico, libero e sicuro in base al diritto internazionale esistente, per una maggiore resilienza cibernetica (componente cyber consultazione); ad aumentare la convergenza fra gli standard, le politiche e le migliori pratiche dei paesi partner e delle organizzazioni regionali e quelle dell'Unione europea (componente cooperazione e capacity building); a sensibilizzare sui contributi dell'Unione Europea alla stabilità e alla resilienza cibernetica globale (componente divulgazione e diplomazia pubblica). Si vogliono coinvolgere cittadini, imprese, esperti, stakeholder, e proteggere le infrastrutture critiche rafforzandone la resilienza. Possono essere cofinanziati progetti di cooperazione e possono essere coperte in parte le spese per realizzare studi di analisi politica, attività di ricerca, cyberconsultazioni, progetti di cooperazione e di capacity building per specifici stakeholder sull'applicazione del diritto internazionale, delle norme cibernetiche e di misure di creazione della fiducia verso l'informatica e sulla cyber-resilienza delle infrastrutture critiche; possono essere coperte le spese per attuare attività di sensibilizzazione e di diplomazia pubblica per promuovere una maggiore visibilità e comprensione dell'approccio dell'Unione europea mirati alla stabilità e resilienza cibernetica globale. Sono beneficiari dei fondi enti dotati di personalità giuridica, senza scopo di lucro, think tank, ong, istituti di ricerca, organizzazioni della società civile, agenzie specializzate europee, organizzazioni regionali, intergovernative internazionali. Ogni progetto deve durare massimo trentasei mesi e non è necessario avere un partenariato. Il bando ha un budget totale che ammonta a 3 milioni e mezzo di euro. Ogni progetto può ottenere sino al 100% di coper tura dei costi ammissibili. È aperto un bando relativo al cosiddetto Strumento di Partenariato - Iniziativa Ue a supporto della cyber diplomazia (rif. Commissione europea EuropeAid/170453/ DH/ACT/Multi del 1/12/2020). È gestito dalla Commissione europea - Cooperazione e sviluppo EuropeAid e punta ad aumentare il consenso negli Stati partner verso un cyberspazio unico, libero e sicuro in base al diritto internazionale esistente, per una maggiore resilienza cibernetica (componente cyber consultazione); ad aumentare la convergenza fra gli standard, le politiche e le migliori pratiche dei paesi partner e delle organizzazioni regionali e quelle dell'Unione europea (componente cooperazione e capacity building); a sensibilizzare sui contributi dell'Unione europea alla stabilità e alla resilienza cibernetica globale (componente divulgazione e diplomazia pubblica). Si vogliono coinvolgere cittadini, imprese, esperti, stakeholder, e proteggere le infrastrutture critiche rafforzandone la resilienza. Possono essere cofinanziati progetti di cooperazione e possono essere coperte in parte le spese per realizzare studi di analisi politica, attività di ricerca, cyberconsultazioni, progetti di cooperazione e di capacity building per specifici stakeholder sull'applicazione del diritto internazionale, delle norme cibernetiche e di misure di creazione della fiducia verso l'informatica e sulla cyber-resilienza delle infrastrutture critiche; possono essere coperte le spese per attuare attività di sensibilizzazione e di diplomazia pubblica per promuovere una maggiore visibilità e comprensione dell'approccio dell'Unione europea mirati alla stabilità e resilienza cibernetica globale. Sono beneficiari dei fondi enti dotati di personalità giuridica, senza scopo di lucro, think tank, ong, istituti di ricerca, organizzazioni della società civile, agenzie specializzate europee, organizzazioni regionali, intergovernative internazionali. Ogni progetto deve durare massimo trentasei mesi e non è necessario avere un partenariato. Il bando ha un budget totale che ammonta a tre milioni e mezzo di euro. Ogni progetto può ottenere sino al 100% di copertura dei costi ammissibili. A chi rivolgersi: webgate.ec.europa.eu webgate. ec.europa.eu SETTORE INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE HHH TITOLO GRADO DI DIFFICOLTÀ L. 3 CHIST-ERA Contenuto: si può partecipare a un bando che cofinanzia progetti di ricerca sull'applicazione delle nuove tecnologie digitali, tra cui l'intelligenza artificiale. Si tratta di un bando del programma CHIST-ERA, cofinanziato dal programma europeo di ricerca e sviluppo tecnologico Horizon 2020. CHIST-ERA coordina e coopera con organizzazioni di finanziamento della ricerca nazionali e regionali. Possono essere cofinanziati progetti multidisciplinare con esiti anche a lungo termine. CHIST-ERA (European Coordinated Research on Longterm ICT and ICT-based Scientific and Technological Challenges) rinforza la cooperazione transnazionale tra Stati Membri in diversi campi dell'Ict e integra le comunità di ricerca nazionali in Europa, crea sinergie in settori scientifici emergenti, consente ai ricercatori europei di impegnarsi in progetti di alto rischio, ad alto impatto. I progetti possono essere presentati da consorzi internazionali con un minimo di tre soggetti ammissibili e partner indipendenti che richiedano finanziamenti a organizzazioni provenienti da almeno tre differenti Stati partecipanti. Gli ambiti cofinanziabili sono per il settore dell interfacce avanzate cervello-computer per nuove interazioni (BCI) e per progetti verso l'Ict sostenibile (S-ICT). Si vuole cercare di migliorare le interfacce cervello-computer (Brain Computer) dirette alla ricerca, mappatura, assistenza, aumento o riparazione delle funzioni cognitive o sensoriali-motorie umane. Viene data priorità a progetti per la creazione di nuovi paradigmi BCI che consentano nuove interazioni e innovative metodologie multimodali, che riguardino dispositivi indossabili a bassa potenza; che migliorino l'elaborazione del segnale; oppure progetti per l'acquisizione di grandi set di dati; per lo sviluppo di nuovi algoritmi; progetti che possano attuare un coinvolgimento del paziente/cittadino pubblico al fine di migliorare l'accettabilità delle BCI; progetti con un approccio interdisciplinare, ovvero che coinvolgano i medici nello sviluppo di BCI clinicamente rilevanti; progetti con ingegneri per migliorare la robustezza di segnali. Il bando cofinanzia la creazione quindi di nuovi paradigmi di produzione di dispositivi sostenibili al fine di ridurre i rifiuti elettronici attraverso l'uso di materiali organici; una gestione dell'alimentazione wireless e ottimizzazione delle reti wireless; una migliorata l'efficienza delle tecnologie mmWave; l'utilizzo di componenti riciclabili, dispositivi modulari e lunga durata - progettati per smontaggio e riparabilità; un minor consumo sia di energia che di risorse naturali. A chi rivolgersi: http://www.chistera.eu/ - www. miur.it