scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/08/2021

Bandi del Comune per la gestione del teatro e del centro polivalente

Il Tirreno - Luca Signorini

MONSUMMANO
MONSUMMANO. Per risollevare le sorti del teatro "Yves Montand" il Comune di Monsummano tenta la strada dell'avviso pubblico per affidare la struttura in comodato d'uso gratuito lungo cinque anni. Non sono stati affatto mesi facili per lo spazio culturale di piazza del Popolo. Hanno influito il Covid e le chiusure, ma non solo. In mezzo c'è stato infatti un contenzioso aperto dal Comune contro l'Associazione teatrale pistoiese, ente a partecipazione mista pubblico-privata che dal 2007 si occupava della direzione artistica (cioè di organizzare il cartellone di prosa) e nel 2016 si era aggiudicato la gestione diretta per dieci anni, dopo aver vinto un bando pubblico. La convenzione è stata stralciata, l'Atp ha citato in giudizio l'amministrazione, ha perso ed è uscito di scena. Questo è accaduto nel giugno scorso. L'ultimo spettacolo al "Montand" è del febbraio 2020. Da allora in sostanza il teatro è rimasto inutilizzato e vuoto. E non è facile per il municipio garantirne di nuovo l'apertura, perché «richiede competenze e disponibilità di risorse umane di cui il Comune non dispone». Il tentativo è arrivare a «una gestione più efficiente e anche più competente, e in grado di rilanciarne l'immagine e le attività». Da qui la manifestazione di interesse verso i soggetti privati, che si prenderebbero le chiavi in maniera gratuita. Ma ad alcune condizioni. Il futuro gestore si farà carico della manutenzione ordinaria, della verifica periodica sugli impianti, del pagamento di luce, gas e acqua. Inoltre, dovrà mettere a disposizione dell'amministrazione 30 giorni all'anno per eventi istituzionali o con il patrocinio del Comune, che tra l'altro impegnerà una somma di 20.000 euro per iniziative di promozione delle attività teatrali rivolte ai giovani del territorio. Quella del comodato d'uso gratuito, per gli uffici di piazza Quattro Novembre è "una soluzione meno onerosa, da un punto di vista organizzativo e finanziario, di forme di gestione diretta". La strada dunque è tracciata per non lasciare ancora chiuso il Montand. La stessa formula del comodato d'uso gratuito sta alla base di un altro avviso pubblico, quello per la gestione del Centro polivalente di via Mameli, per il quale è scaduta la convenzione con l'Auser. In questo caso la durata del contratto proposto è di sei anni, rinnovabili per altri sei. Saranno a carico del futuro gestore la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'immobile, la manutenzione straordinaria degli impianti tecnologici e le spese per i consumi. Al Comune dovranno essere assicurati 50 giorni all'anno per organizzare proprie iniziative. Il bando di prossima pubblicazione sarà rivolto alle associazioni del terzo settore. --Luca Signorini© RIPRODUZIONE RISERVATA