scarica l'app
MENU
Chiudi
03/01/2020

Bandi da 4,5 milioni per rilanciare l’entroterra

La Stampa - LUCA MARAGLIANO

il presidente osvaldo geddo: "Dopo l 'agroalimentare, finanziati turismo sostenibile e outdoor "
A inizio 2020 l'obiettivo del Gal Valli Savonesi è quello di creare nuove opportunità per sostenere le imprese
Quattro milioni e mezzo di euro, con l'obiettivo di rilanciare i territori interni e le loro eccellenze. Questo l'obiettivo del Gal Valli Savonesi, che con l'inizio del 2020 ha messo a punto nuovi bandi a sostegno delle imprese e dei Comuni di tutto l'entroterra. «Siamo entrati nella piena operatività del Gal Valli Savonesi, che ha raggiunto la percentuale del 64% di fondi nella propria disponibilità messi a bando - conferma il presidente del parternariato, Osvaldo Geddo -. I primi bandi, aperti la scorsa primavera, hanno finanziato i gruppi di cooperazione legati alle filiere delle piante officinali nelle aree interne, della birra e dei nuovi modelli di distribuzione agroalimentare a filiera corta (e cioè i mercati dei produttori), per un importo complessivo di 220 mila euro. Questi attiveranno poi ulteriori bandi, a favore dei partner, per un importo di quasi 970 mila euro. Nei Consigli di ottobre e dicembre sono stati invece approvati i bandi che finanziano il turismo sostenibile, con cinque capitoli, per un importo totale di oltre 3 milioni e mezzo di euro: vi rientrano i tre rami del progetto "Experience" (per il gruppo di cooperazione, i Comuni che investiranno nelle reti museali, e le piccole imprese ricettive che danno ospitalità nell'entroterra) e i due del progetto legato all'outdoor, che finanzia i percorsi escursionistici proposti dai Comuni e le imprese agrituristiche che adegueranno le loro strutture. Le domande saranno possibili a partire da questo mese, quindi da marzo e aprile, per 60 o 90 giorni: una scelta condivisa del Consiglio, che ha prestato attenzione a non sovrapporsi agli ultimi bandi Psr regionali, di prossima apertura». Il Gal Valli Savonesi, che vede in campo fianco a fianco imprese ed enti locali con capofila il Cersaa di Albenga, punta infatti a una strategia di sviluppo, che parta dalle esigenze del territorio e delle piccole realtà, trasformandole in progettualità da finanziare attraverso le risorse dal Piano di sviluppo rurale. «E' stato infatti approvato anche il primo bando "Paesaggi Terrazzati", che destina 550 mila euro alle ricostruzioni dei muri per le aziende agricole - conclude Geddo -, e vi è poi il progetto "Agrobiodiversità", che finanzia le coltivazioni minori ma tipiche di territori interni, come la castagna, l'albicocco di Valleggia o il chinotto di Savona». - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Tra i progetti per il rilancio delle località dell'entroterra c'è quello di valorizzare la castagna