scarica l'app
MENU
Chiudi
31/01/2020

Bahia Blanca, lavori in ritardo e ditte in attesa di pagamento Le opere dovevano essere terminate il 30 settembre, invece la Sea Blue di Savona ancora non ne avrebbe ultimato che circa la metà spotorno, il sindaco fiorini: «penale ai gestori che non rispe

Il Secolo XIX - S. An.

Nonostante la gara d'appalto per la riqualificazione della spiaggia libera attrezzata "Bahia Blanca", aggiudicata alla Sea Blue Srls di Savona, prevedesse che i lavori dovessero essere conclusi entro il 30 settembre scorso, garantendo l'apertura annuale, a tutt'oggi, c'è ancora il cantiere e le ditte che hanno eseguito i lavori sono ancora in attesa di essere pagate. Una situazione che sta sollevando non pochi malumori. Sarebbero ancora da completare i servizi igienici e degli 8 pannelli solari ne sono stati posizionati solo 4. Inoltre dei due montascale ne è stato realizzato solo uno. Intanto l'amministrazione Fiorini ha annunciato che sarà applicata una penale alla società che si è aggiudicata l'appalto non rispettando i tempi previsti dalla gara d'appalto. «Abbiamo fatto due sopralluoghi, uno il 30 settembre e uno il 4 ottobre e se, al momento della scadenza, doveva essere completato anche il bar entro il 4 ottobre restava solo da montare solo il secondo montascale - dichiara il sindaco Mattia Fiorini - Risultando il 90% delle opere realizzate la ditta avrà una penale che presto gli sarà notificata. Per quanto riguarda l'apertura della spiaggia libera attrezzata, così come quella in località Serra, è annuale. Faremo comunque dei controlli». Il capogruppo di minoranza del gruppo "Spotorno nel cuore" Matteo Marcenaro dichiara: «Le spiagge libere attrezzate aperte tutto l'anno non le abbiamo mai viste a Spotorno - sottolinea - Neanche nei fine settimana». Anche la proposta di parziale svincolo dell'ex hotel Royal, approvata martedì sera, in consiglio comunale, con l'astensione di Franco Riccobene capogruppo di minoranza di "Adesso Spotorno" e Massimo Spiga di "Spotorno che vorrei" ha destato qualche perplessità. «Nonostante sia un bene recuperare una struttura alberghiera chiusa da 10 anni, resta il fatto che la trasformazione in Rta con il 40% di residenziale - dice Riccobene - per un'immobile sul mare fa comunque perdere il fascino dell'hotel a 4 stelle. Il 40% residenziale è comunque il massimo previsto da una legge regionale che non ho mai condiviso». --S. An.