scarica l'app
MENU
Chiudi
13/10/2020

Aziende bio, l’inchiesta va avanti Don Merlini non è tra gli indagati

Corriere Adriatico

Per la Procura sarebbero stati usati fertilizzanti vietati. Sequestrati 86mila euro di fondi pubblici
L'OPERAZIONE
TOLENTINO Inchiesta sulle aziende bio, Don Gianluca Merlini estraneo ai fatti. Nell'articolo pubblicato ieri si è erroneamente indicato il nominativo del segretario generale della Diocesi come iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'indagine condotta dal Gruppo carabinieri forestali di Macerata in merito a una presunta indebita percezione di contributi pubblici destinati alle coltivazioni biologiche. Per un errore materiale è stato indicato don Gianluca Merlini come presidente e legale rappresentante della società agricola Mastrocola coinvolta nelle indagini: si precisa che don Merlini non ricopre e non ha mai ricoperto tale carica, da qui la sua totale estraneità ai fatti contestati. Pubblichiamo di seguito integralmente la nota ricevuta ieri dall'avvocato Simone Longhi per conto della diocesi di Macerata.
La posizione
«Allarmata da questa grave notizia la Diocesi di Macerata Tolentino Recanati Cingoli Treia ha immediatamente verificato la situazione e comunica che i fatti riportati non riguardano Don Gianluca Merlini e che lo stesso sacerdote non è assolutamente indagato in questa vicenda. Inoltre, Don Gianluca Merlini non è affatto il legale rappresentante della società agricola Mastrocola. Si tratta pertanto di affermazioni lesive della sua dignità e contrarie a verità». Ci scusiamo dunque dell'errore con l'interessato, con la Diocesi e con i lettori. L'indagine su due aziende, una di Tolentino, una di Loro Piceno che producono Bio è partita a gennaio scorso ed è stata condotta dai militari della Stazione carabinieri Forestali di Abbadia di Fiastra con il coordinamento del Nipaaf. La diffusione del Coronavirus portò a una sospensione degli accertamenti in quanto anche i militari del Gruppo Forestali erano stati impegnati nei controlli per garantire il rispetto delle misure di contenimento dell'emergenza sanitaria. Venuto meno il carattere emergenziale, gli accertamenti sulla filiera del biologico erano ripresi ed erano proseguiti in maniera serrata. Dagli accertamenti i militari avevano appurato che nelle due aziende agricole dedite alla produzione di vegetali bio, come grano, favino e girasole, erano state utilizzate nelle annate agrarie 2019 e 2020 alcune tipologie di prodotti fertilizzanti e fitosanitari vietati nelle coltivazioni biologiche. L'ipotesi investigativa era che questa tipologia di prodotti era stata impiegata con lo scopo di incrementare la resa delle coltivazioni. Ma non solo. Erano stati eseguiti ulteriori approfondimenti mirati al filone economico, dal momento che le due aziende avevano ottenuto contributi europei per effettuare le coltivazioni biologiche. Gli inquirenti hanno quindi ritenuto opportuno bloccare le somme di denaro erogate dagli Organismi comunitari e regionali, in considerazione del mancato rispetto degli impegni previsti dai bandi Psr (Piano di sviluppo rurale), a cui le due aziende avevano aderito. Da quanto accertato per il 2019 le aziende hanno percepito, in modo ritenuto illecito, anche contributi europei per un totale di 86.151 euro, in violazione dei bandi di accesso ai finanziamenti Ue per produzioni biologiche. Nei giorni scorsi i carabinieri hanno eseguito un decreto di sequestro emesso dal gip del Tribunale di Macerata, su richiesta della procura, che ha portato al vincolo cautelare degli 86.151 euro.
Gli accertamenti
Tre sono le persone finite nel registro degli indagati per le ipotesi di reato, a vario titolo, di frode aggravata nell'esercizio del commercio e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. In merito alla posizione di uno dei tre indagati ieri il legale Manuel Formica, ha dichiarato: «Sposetti Giuseppe è indagato per il solo fatto d'essere legale rappresentante della Fondazione Giustiani Bandini; come tale, dimostrerà all'autorità giudiziaria la sua totale estraneità alla vicenda sotto indagine».
Benedetta Lombo
© RIPRODUZIONE RISERVATA