scarica l'app
MENU
Chiudi
30/06/2020

Avr, arriva uno degli stipendi arretrati

Gazzetta del Sud

L' emergenza La città ancora stretta nella morsa dei rifiuti, Ciccarello uno dei quartieri sommersi dai sacchetti Il Comune paga 1,4 mln. Il primo luglio maturano un' altra mensilitàe la quattordicesima I lavoratori della società impegnati nel servizio
comuni dell'a rea in cui la società opera
Eleonora Delfino La prossima settimana almeno uno dei tre stipendi arretrati verrà erogato. Il Comune siè impegnato ed ha già predisposto la liquidazione della fattura di maggio per 1,4 milioni di euro. Una modesta boccata di ossigeno peri circa 400 lavoratori di Avr che da mesi rivendicano il diritto alla retribuzione. Nel corso del vertice voluto dalla Prefettuaierile partisocialihannodato voce alla disperazione delle maestranze, che in questi giorni ha portato un gruppo di lavoratoria proclamare lo sciopero della fame. Basterà il pagamento di uno stipendioa far rientrare questa scelta?I rappresentanti dei lavoratori (di Fp Cgil, Giuseppe Callea, Fit Cisl Giuseppe Larizza, Uil Lombardo, Fiadel Giuseppe Triglia) hanno ribaditol' insostenibilità di una situazione che si trascina ormai da tanto, troppo tempo. «Abbiamo una bomba sociale che rischia di esplodere- hanno sottolineato- dal primo di luglio maturerà anche la quarta mensilitàa cui si aggiunge anche la quattordicesima, la tensioneè palpabile». Ritardi che sono diventati ormai una triste prassi che sta mettendo alla prova la "resistenza" dei lavoratori stremati da questo lungo braccio di ferro che ogni pagamento comporta. Da oltre due anni si va avanti in questo modo con la società finita al centro di una bufera giudiziaria assieme ad alcuni esponenti dell' amministrazione comunale, che non ha fatto mistero della volontà di lasciare il servizio; rifiutando di fattol' ult ima proroga del Comune. Mal'o rdinanza contingibile ed urgente del sindaco ha garantito continuità al servizioe" cost retto" la società ad espletarlo. Il Comune da canto suo oltre ad aver annunciato il pagamento della fattura di maggio ha spiegato che compatibilmente con le entrate (la riscossione dei tributi localiè stata sospesa dall'Ente in questo periodi di emergenza sanitaria), conta di poter aggiungere qualche altra tranche nei pagamenti. Le fatture arretrate sono parecchie.I crediti della società finita in amministrazione giudiziaria solo con il comune di Reggio ammontanoa circa 20 milioni di euro. Nona caso infatti la commissione di Garanzia nazionale in occasione dell'ultimo sciopero dei lavoratori ha chiesto ai sette Comuni del territorio un veroe proprio report rispetto alle fatture rimaste da saldare. Incontroa cui hanno preso parte anche gli amministratori nominati dal Tribunalel' ingegnere Giuseppe Barrecae il commercialista Gianluca Falzea. Intantoi sindacati hanno portato sul tavolo dell'Anci l'emergenza Reggio, come spiega il segretario regionale della Fit Cisl, Giuseppe Larizza che ha ribadito«nella sospensione dei tributi un contributo concreto da parte del Governo».L' emergenza che ciclicamente scompagina tutta la filiera deve essere affrontata uscendo dalle logiche che fino adesso sono state utilizzate: superare la criticità del momento. Occorre programmare, ribadiscel' esponente della Cisl, industrializzare il settore, confrontarsi sul sistema degli appalti che incide spesso anche sulle condizioni di lavoroe sulle garanzie occupazionali.

Foto: 400