scarica l'app
MENU
Chiudi
03/03/2020

Avanzamenti di carriera Il Comune rivede il bando

Il Gazzettino

CHIOGGIA
Potrebbe essere rivisto il bando per l'assegnazione delle progressioni orizzontali di carriera ai dipendenti comunali. Lo ha detto l'assessore al personale, Luciano Frizziero, rispondendo alle sollecitazione del capogruppo Pd, Jonatan Montanariello, che aveva definito discriminatori i criteri fissati dal bando.
Le progressioni orizzontali sono, in sostanza, gli avanzamenti di posizione, e quindi di stipendio, per i dipendenti che appartengono ai livelli verticali A, B, C, D del personale dell'Ente. Il bando stabilisce che queste progressioni possano essere assegnate ai dipendenti che svolgono almeno i 5/6 dell'orario normale di lavoro, ovvero almeno 30 ore su 36. Ma questa formulazione, aveva osservato Montanariello, probabilmente in seguito alle rimostranze di qualche dipendente, esclude tutti coloro che lavorano in part time (18, 24 o 30 ore settimanali) che sono almeno il 15% del personale comunale. Per il consigliere si tratta di discriminazione bella e buona, dato che non solo queste persone, con ogni probabilità, risentono di impegni familiari che le obbligano a scegliere il part time rispetto al tempo pieno e, quindi, guadagnano meno degli altri, ma ciò non significa che il loro lavoro, nell'orario, tra l'altro, concordato con l'amministrazione, sia di qualità inferiore. Pertanto, se meritevoli, anche costoro dovrebbero aver diritto alla progressione orizzontale.
L'assessore, che è formalmente terzo rispetto alla trattativa tra delegazione pubblica (dirigenti comunali) e sindacati, ha espresso il suo interessamento per una mediazione. Montanariello ha promesso che, se non ci sarà una sostanziale modifica dei criteri del bando, chiederà l'intervento del Ministero per le Pari opportunità. (d.deg.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA