scarica l'app
MENU
Chiudi
30/01/2020

Avanti i secondi L’ok del tribunale al colosso Cmc

Corriere Adriatico

Subentra un'Ati con la coop ravennate Il segretario Ap: «Accolte le nostre tesi»
L'APPALTO
ANCONA «La motivazione con cui il Tar spiega questa sentenza è puntuale sotto ogni profilo e condivisibile sia nel merito giuridico che nelle valutazioni amministrative, oltre a riconoscere l'assoluta correttezza delle decisioni effettuate dall'Autorità portuale». L'avvocato Matteo Paroli, segretario generale dell'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, commenta così il verdetto dei giudici amministrativi che ora consente di far ripartire l'appalto per la prosecuzione della nuova banchina rettilinea, anche se c'è sempre la possibilità di un ricorso al Consiglio di Stato della Ati Mentucci. Al pool di imprese aggiudicatarie dell'appalto nel 2016, subentra ora l'Ati seconda classificata nella gara, composta da Sales Spa e Cmc. Proprio la presenza della Cooperativa muratori cementisti Ravenna, colosso delle costruzioni sottoposto dal giugno scorso a procedura di concordato in continuità, ha consigliato all'Autorità portuale di Ancona di muoversi per tempo, anche in attesa del verdetto del Tar, con una verifica dei requisiti per eseguire i lavori. È stata chiesta documentazione al tribunale fallimentare di Ravenna, che ha già risposto trasmettendo un'ordinanza che autorizza la Cmc a sottoscrivere il contratto d'appalto con l'Ap di Ancona. Ora l'Autorità portuale chiederà a Cmc un'integrazione delle documentazioni già fornite per la gara d'appalto, soprattutto su questioni amministrative relative al concordato in continuità. Tempo due settimane, anche questa integrazione dovrebbe essere fornita. Ma prima della stipula del contratto vero e proprio relativo ai lavori per la nuova banchina (durata prevista: 4 anni) è prevista dall'appalto una fase ulteriore di concessione demaniale di 7-8 mesi per la rimozione a sedimenti sabbiosi che si trovano nel sotto-banchina. Le imprese aggiudicatarie possono però proporre soluzioni migliorative che accorcino i tempi.
l. s.
© RIPRODUZIONE RISERVATA