scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
27/08/2021

Attività chiuse per Covid in arrivo altri 80mila euro per sostenere la ripresa

La Provincia Pavese - Stefania Prato

Bando del Comune a favore delle imprese che hanno registrato un calo di fatturato nel 2020. Bisogna però essere in regola con le tasse locali belgioioso
BELGIOIOSO Sostenere le attività commerciali e produttive segnate dalla crisi legata alla pandemia. È l'obiettivo del Comune che ha deciso di stanziare 80mila euro per aiutare le imprese che hanno sofferto in seguito al lockdown.IL BANDOI contributi vanno da un minimo di 700 a un massimo di 1500 euro, il bando per accedere è già stato pubblicato sul sito del Comune ed ha scadenza il 15 settembre. «Si tratta di un bando aperto e chi per primo presenta domanda, ottiene il contributo - spiega il sindaco Fabio Zucca -. È sufficiente un'autocertificazione in cui si dichiara la diminuzione di fatturato registrata dalla propria attività commerciale, produttiva o artigianale. Ma, per ottenere le risorse, è necessario essere in regola con il pagamento delle tasse comunali. L'avviso si trova sul sito, ma si è anche provveduto ad inviare comunicazione agli operatori economici e commerciali».I CONTRIBUTIIl contributo è concesso nella misura di 1500 euro alle attività con riduzione di fatturato 2020, rispetto al 2019, di oltre il 35%. Verranno erogati mille euro alle attività con riduzione di fatturato 2020, rispetto al 2019, tra il 25% e il 35%. Saranno invece concessi 700 euro alle imprese che hanno registrato una riduzione di fatturato tra il 15% e il 25%. Nel bando si precisa inoltre che bisogna essere in regola con il versamento della Tari o comunque avere in corso un piano di rientro tramite rateizzazione formalizzata entro il 30 giugno di quest'anno.«È un'iniziativa frutto del lavoro tra l'assessorato al bilancio, guidato da Stefania Pernice, e quello al commercio, guidato da Claudio Piazza - sottolinea il sindaco -. È il segno di un'azione di risanamento finanziario del bilancio comunale a cui questa amministrazione si è dedicata. Non va infatti dimenticato che questo Comune era al tracollo finanziario fino a due anni fa, come peraltro certificato dalla Corte dei Conti. Ci rendiamo conto che queste somme non possono risolvere i problemi di chi si trova in difficoltà, ma sono comunque un aiuto di cui le imprese possono beneficiare. Continuiamo a prestare la massima attenzione ai problemi della cittadinanza». --Stefania Prato