scarica l'app
MENU
Chiudi
05/06/2019

Attesa per il bando degli sfalci

QN - Il Resto del Carlino

OCCHI PUNTATI su chi deve effettuare gli sfalci alle erbacce e potare piante e alberi. L'incarico per la manutenzione del verde pubblico è scaduto nell'agosto 2018, poi prorogato di alcuni mesi, «e a giorni sarà finalmente aggiudicato», dice William Sanzani, assessore comunale all'ambiente, a fine mandato. Negli ultimi anni, a varie riprese, erano piovute polemiche sulle carenze della manutenzione, riconosciute dagli stessi amministratori comunali, che avevano anche richiamato la ditta appaltatrice, la Civam di Roma. Non è un investimento da poco, per le casse del Comune: 1,4 milioni all'anno per 4 anni. Questo l'importo del nuovo bando, che però sconta la penuria dei finanziamenti. «FINO a qualche anno fa la somma annua era di 1,8 milioni», ricorda Sanzani. Che non era affatto un'esagerazione, considerando che il territorio comunale di Forlì ha «un'estensione di verde pubblico pari a un terzo di quella di Milano». Cos'è successo negli ultimi mesi? Il Comune ha proceduto alla nuova gara d'appalto, che però ha subito un ritardo a causa del ricorso al Tar di una delle imprese che si sono presentate. Concluso questo passaggio amministrativo, ora sono al vaglio le ultime verifiche. Nel frattempo, la manutenzione è stata curata da Formula Servizi, che si aggiudicata il lavoro attraverso una gara 'ponte'. Nella nuova gara, in pista sono rimaste (ancora) la Civam e un'associazione temporanea di imprese locali. Il problema emerso in passato era la scarsa possibilità di controlli sull'operato delle ditte, da parte del Comune. «Una sola persona per una superficie enorme», assicura Sanzani. Perciò sono stati spesi 200 mila euro in un programma informatico, che tramite Gps, consente agli uffici del verde di monitorare dove stanno lavorando gli addetti. «E l'appalto non prevede più tagli a centimetri, impossibili da valutare - conclude l'assessore - , ma 4 all'anno per le aree verdi e 6 per i giardini delle scuole. Inoltre l'impresa deve dare la garanzia di impiegare più personale nei periodi critici, come quello attuale. Sono sicuro che la situazione migliorerà». fa.gav.