MENU
Chiudi
27/07/2018

Atersir verso il nuovo bando Sconti a chi inquina meno e un tetto per i subappalti

Corriere di Bologna

Le novità
Mentre si prospetta un nuovo braccio di ferro sulla vendita delle azioni di Hera, questa volta tra la Cgil regionale e Palazzo d'Accursio, e mentre Imola è pronta a creare una società in house per la gestione dei rifiuti, Atersir tira dritto sul bando di gara che metterebbe fine a una proroga del servizio ora in mano alla multiutility che dura da sette anni. Ieri l'Agenzia territoriale dei rifiuti e dei servizi idrici si è riunita per fare il punto sulla nuova gara che, dopo una lunga attesa censurata anche da Anac e Antitrust, dovrebbe essere pronta per l'inizio del 2019 (e che Imola a questo punto potrebbe disertare). «Applicheremo il principio "chi inquina paga", facendo pagare di meno a chi produce meno rifiuti e viceversa», spiega Michele Giovannini, sindaco di Castello d'Argile e rappresentante in Atersir del Consiglio d'ambito bolognese. Un altro obiettivo della nuova gara sarà quello di «perequare i costi del servizio al fine di aiutare i territori svantaggiati». Il nuovo bando presenterà anche delle clausole sociali per l'inserimento dei lavoratori svantaggiati mentre per il vincitore è previsto un limite al ricorso del subappalto. Alcune di queste novità Atersir chiederà ad Hera, che è l'attuale gestore, di attivarle sin da subito. «Chiediamo al gestore di non rinnovare gli affidamenti con gare al massimo ribasso o rialzo ma di usare la formula che premia la parte tecnica dell'offerta - conclude Giovannini - puntando, in accordo coi Comuni, all'inserimento dei lavoratori svantaggiati». B. P. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore