scarica l'app
MENU
Chiudi
12/12/2019

Asilo San Giuseppe, la serrata è scongiurata

QN - Il Giorno

ARCORE di Antonio Caccamo La Fondazione l'asilo San Giuseppe cerca di ripartire e uscire da una crisi che è, insieme, finanziaria e gestionale. Il Comune, che di fatto nomina il cda, ha pubblicato un bando per sostituire Cristina Maranesi, l'ex consigliera e del consiglio di amministrazione, che si è dimessa travolta dalla grave situazione economica che ha messo in discussione la stessa sopravvivenza dell'ente civico. La secolare scuola, con l'asilo nido e materna, nonostante le difficoltà resiste e spera in una nuova stagione di rilancio. L'assessora alla Cultura Paola Palma ha escluso la chiusura. Dopo l'open day, sono state aperte le iscrizioni per il nuovo anno scolastico. E ora arriva il bando comunale. Entro il 7 gennaio 2020 dovranno essere presentate le candidature per un «Rappresentante del Comune in seno al Consiglio di amministrazione della Civica Fondazione Asilo San Giuseppe». «Il nuovo bando ha l'obiettivo di completare il cda e di metterlo in grado di continuare un lavoro importante per la fondazione - dice Palma - Un cda che ha sempre operato e continuerà a farlo cercando di poter far sì che la civica fondazione, il nido e la scuola per l'infanzia possano proseguire con sempre maggior autonomia offrendo un valido supporto didattico, e non solo, alle famiglie». Possono proporre nomi i consiglieri comunali, i sindacati e le associazioni di categoria e anche di volontariato gruppi di almeno 20 cittadini. Carlo Zucchi, capogruppo di ImmagiArcore, minoranza in Consiglio comunale, lancia un appello per cercare una figura di alto livello e preparata «ad affrontare l'attuale criticità finanziaria». «Da oggi fino al 7 gennaio la politica dovrà dimostrare di rappresentare la prima risposta concreta al rilancio della Fondazione. Mi auguro che siano proprio i Consiglieri comunali a spendersi per proporre delle candidature, che siano loro a cercare professionalità e competenze, che sia la politica a dimostrare la necessaria concretezza quando si devono affrontare i problemi del territorio, che non si divida in sterili polemiche politiche volte a ricercare gli esponenti di inspiegabili ed inutili riferimenti ideologici». Poi avverte: «In qualità di Consigliere comunale chiederò che sia resa pubblica la relazione della commissione esaminatrice sulle candidature e le ragioni della conseguente decisione». Gli interessati dovranno presentare le candidature entro le 12.30 del giorno 7 gennaio all'Ufficio Protocollo. Il problema del San Giuseppe è che ha troppi debiti e manca di autosufficienza visto che la sopravvivenza è garantita dai contributi pubblici. © RIPRODUZIONE RISERVATA